in ,

Loris Stival Quarto Grado ultime novità: Veronica Panarello fornisce elementi che inchioderebbero il suocero?

La trasmissione Quarto Grado è tornata ad occuparsi della nuova versione di Veronica Panarello sull’omicidio di suo figlio Loris Stival. Per oltre un anno si è cercato un movente forte che potesse far comprendere la morte violenta del piccolo Loris. Ora secondo il nuovo racconto di Veronica Panarello, Loris l’avrebbe sorpresa nella cucina della loro abitazione mentre faceva l’amore con il suocero, Andrea Stival. Loris avrebbe minacciato di riferire tutto al papà Davide, mandando nel panico la Panarello.

Veronica Panarello ha raccontato che a uccidere suo figlio è stato il suocero, ma anche fornito agli inquirenti degli elementi che se riscontrati con dati oggettivi darebbero forza alla versione della ventisettenne di Santa Croce Camerina. La mattina del delitto, Andrea Stival sarebbe salito nella macchina della Panerello sedendosi sul sedile posteriore lungo la strada che porta al canalone dove poi è sato ritrovato il corpo senza vita di Loris. L’avvocato Francesco Villardita, legale di Veronica Panarello, nello studio di Quarto Grado ha dichiarato che come difesa anche loro stanno cercando gli elementi oggettivi a supporto di questa nuova versione della Panarello, se non si dovessero trovare anche quest’ultima ricostruzione rimarrebbe solo una delle tante versioni della madre di Loris.

Il nonno di Loris, Andrea Stival, dal canto suo continua a negare di avere avuto una relazione con la nuora e soprattutto di avere ucciso il nipote. Raggiunto dagli inviati di Quarto Grado, questi hanno riferito che l’uomo è molto provato in attesa che la giustizia faccia il suo corso. Mentre Davide Stival si dice incredulo del coinvolgimento del padre e ripone tutte le sue aspettative di giustizia nei giudici che si trovano davanti a una situazione complessa. Davide Stival ha negato di avere una nuova relazione sentimentale e che la sua vita si svolge tra la cura di suo figlio e il lavoro che per fortuna ha vicino casa.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

liz taylor occhi

Liz Taylor, gli occhi più belli del cinema sono nati il 27 febbraio 1932

registro imprese startup #italyfrontiers

#ItalyFrontiers, sul registro imprese e startup spazio a donne, giovani e stranieri