in

Luca Congera scomparso nel cagliaritano: lo strano messaggio alla moglie, presto una svolta?

Cagliari, Luca Congera scomparso a Quartu Sant’elena, si indaga per omicidio a carico di ignoti. Ieri 20 giugno del caso si è occupato anche il programma di Rai 3, Chi l’ha visto?. “Papà se stai bene faccelo sapere, se vuoi startene per i fatti tuoi non importa, ma almeno facci sapere che sei vivo e che stai bene”, così il figlio Giacomo nella speranza che il padre lo stesse ascoltando. Una lite con la moglie, la decisione della donna di chiedere la separazione. Nel gruppo Whatsapp dei suoi familiari aveva scritto “Mia moglie mi ha lasciato”. Luca piangeva, era fuori di sé ed si trovava in un stato emotivo preoccupante quando ha fatto perdere le sue tracce.

Dopo il mistero più assoluto. “Non era certo un attacca brighe” – ha detto il figlio descrivendo il carattere di suo padre – “non saprei davvero chi possa eventualmente averlo ucciso. Mio padre l’ho visto per l’ultima volta a casa di mia nonna, la sera che è andato via. Il tempo di andare a tagliarmi i capelli, e lui non c’era più. Mia mamma intorno alle 19,30 è andata a fare la denuncia di scomparsa dai carabinieri”. La notte della scomparsa Luca Congera ha citofonato alla porta dei vicini di casa, lo ha riferito la testimone al telefono ieri a Chi l’ha visto?: “A noi precisamente il campanello lo ha suonato alle 23,45, a mio marito ha detto: carabinieri, voglio i carabinieri. Era in stato confusionale e si sentiva”; ai vicini Luca avrebbe gridato “Mi stanno ammazzando!”.  C’è poi la telefonata anonima giunta alla madre dell’umo, dove una voce le avrebbe detto che Gianluca sarebbe stato picchiato in maniera violenta, ucciso e il suo corpo abbandonato in un canneto.

Leggi anche: Gianluca scomparso nel Cagliaritano il 16 marzo, news: si indaga per omicidio

Durante la diretta del programma Rai si è inoltre parlato dell’ultimo sms mandato alla moglie dall’uomo scomparso: “Non ti voglio più vedere dopo quello che ho saputo”. A cosa si riferiva Luca Congera? A tal riguardo si è espresso Gianfranco Piscitelli, legale della sorella di Luca, di Associazione Penelope Sardegna: “La sera stessa la moglie di Luca Congera va dai Carabinieri a fare denuncia di scomparsa? Con chi parla con il piantone? No perché la denuncia ufficiale è delle 10 circa, ma del giorno dopo!! E solo allora scatta il piano provinciale delle ricerche da parte della Prefettura di Cagliari”. Il telefonino di Luca è stato sequestrato dal pm alcuni giorni fa e solo ieri è stato restituito alla sorella mia assistita Francesca. “Cosa ha scoperto Luca quando dice alla moglie che non vuole più incontrarla? Cosa avrà ‘raccontato’ la memoria interna del suo cellulare? I tasselli si compongono, gli interrogativi chiedono risposte e sono convinto che arriveranno…. presto, molto presto!”, evidenzia l’avvocato lasciando intendere una possibile, imminente, svolta investigativa.

PHOTO CREDITS PIXABAY

Aghi nelle mozzarelle a Firenze: la terribile disavventura di una studentessa pugliese

Meteo weekend: dal caldo al maltempo, previsioni dettagliate

Meteo weekend: dal caldo al maltempo, previsioni dettagliate