in

Luigi Di Maio diretta Facebook, il primo giorno al Ministero del Lavoro: “Salario minimo per i riders”

Luigi Di Maio, pochi minuti fa, ha fatto il punto della situazione dopo la sua prima mattinata al Ministero del Lavoro. Il capo politico del Movimento 5 Stelle, nonché Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, ha passato la mattinata incontrando delle nuove figure lavorative che, oggigiorno, riempiono le città italiane. Si tratta dei riders, coloro i quali un tempo erano chiamati fattorini: si muovono con biciclette o mezzi propri e sono pagati ‘una miseria’. E Di Maio annuncia: “Mi sono insediato al ministero del Lavoro e come primo atto ho voluto incontrare i rider, una categoria di lavoratori che fa parte dei nuovi lavori, simbolo di una generazione abbandonata che non ha ne’ tutele e a volte nemmeno un contratto. Dobbiamo assicurare loro l’assicurazione ed una paga minima dignitosa.”

Leggi anche: Tutte le riforme del Lavoro promesse da Di Maio

I riders sono simbolo di una generazione abbandonata

“Un modello di economia che sta avanzando sempre di più, solo che queste persone hanno un’assicurazione minima o non ce l’hanno proprio. Hanno stipendi da due, tre euro all’ora e non hanno contratti di lavoro. Prendono molti rischi, come un rider di Milano che ha perso una gamba. Li ho voluti incontrare: quello che viene fuori è il simbolo di una generazione abbandonata, vittima di leggi del precariato insieme al fatto che il lavoro cambiava. Alcuni lavori sfuggivano dalle leggi lavorative. La storia di una generazione che ha visto cambiare intorno a sé il mondo. Ci vogliono dei diritti minimi: una cifra, in euro, precisa al di sotto del quale non puoi pagare una persona. Sennò è sfruttamento, non puoi metterlo in competizione con una macchina.”

Ultimi sondaggi elettorali, SWG: percentuali dei partiti se si votasse oggi 9 maggio 2018

Il pomeriggio di Luigi Di Maio: “Incontro il drappo bianco”

“Tra un po’ andrò al Ministero dello Sviluppo Economico. Incontrerò gli imprenditori del drappo Bianco, della Monza – Brianza. Difendono gli imprenditori con cui lo Stato ha debiti. Si tratta di una giornata importante: non ho incontrato ancora i dipendenti né composto il mio staff. Sono disponibile al dialogo con tutti, con enti locali, sigle di rappresentanza, anche quelle che stanno nascendo. Non c’è tempo da perdere, è un’occasione unica: lavoreremo giorno e notte.”

Governo Conte riforme, la Flat Tax partirà dal 2020, l’annuncio di Bagnai: “Ecco cosa cambierà per gli italiani”

Elena Morali e Simone Coccia gossip news: “Manda foto nude sui social”