in

M5S news, Emilio Fede: «Casalino quando venne da me era con le pezze al c…»

«Casalino quando venne da me era con le pezze al culo». Non usa mezzi termini Emilio Fede, ex direttore del TG4, nel definire Rocco Casalino, attuale portavoce del Movimento 5 Stelle, intervenendo ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano. Casalino e Fede si conobbero durante la prima edizione del reality Mediaset più famoso, il Grande Fratello. «Doveva telefonarmi, salutarmi, perché lui è venuto da me con le pezze al culo a chiedere aiuto – ha detto Fede – Nella prima edizione del grande fratello io fui l’unica persona estranea ad entrare nella casa, ero vestito da Babbo Natale. Tempo dopo la mia segretaria mi disse che c’era un ragazzo che era venuto già per la terza volta a chiedere di parlare con me. Io non potevo mai, poi decisi di parlarci. E lui ora il senso della riconoscenza…Non vi dico neanche dove se lo mette».

emilio fede dichiarazioni su rocco casalino 7 giugno 2018

Fede vs Casalino: «Mi disse di essere disoccupato e che non sapeva cosa fare nella sua vita»

«L’ho ricevuto con simpatia e cortesia –  aggiunge Emilio Fede raccontando l’incontro con Rocco CasalinoMi disse di essere disoccupato e che non sapeva cosa fare nella sua vita. Io gli dissi che siccome era bello, alto e bravo, poteva fare il pr del movimento politico che stava nascendo, il M5S. Gli dissi di andare da Grillo, di presentarsi, perché essendo anche gradevole esteticamente oltreché preparato lo avrebbero preso. E infatti lo presero. Io l’ho invitato a presentarsi a questo movimento politico e a offrirsi come ufficio stampa. Lui non lo ha mai smentito. Ora gli si dedicano pagine su pagine».

«Un belloccio che piaceva di qua e di là»

«Quando è venuto da me – ha raccontato Fede a Radio Cusano Campus – era un belloccio che piaceva di qua e di là. Abbiamo parlato di lui, di cosa poteva fare. Col mio consiglio è diventato il numero due, anzi il numero 1 bis. Ora è portavoce del presidente del consiglio. Perché questi stronzi che scrivono sui giornali non lo dicono pur di non fare il mio nome?»Emilio Fede poi ha lanciato un appello al Ministro della Giustizia, Bonafede: «La prego, riapra il mio caso giudiziario. Ne vedrete delle belle».

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Aumento Iva 2019, la promessa di Di Maio: “Non accadrà, ecco come faremo”

Formula E calendario 2018/2019

Formula E 2018/2019 calendario gare: tutti gli E-Prix da Ad Diriyah a New York