in ,

Made in Italy film recensione: cast, trama, trailer, tutto sul nuovo lavoro di Luciano Ligabue

Luciano Ligabue torna dietro la macchina da presa per il suo terzo lungometraggio: da giovedì 25 gennaio 2018 sarà in tutte le sale cinematografiche il film Made in Italy, tratto dall’omonimo album discografico di Luciano Ligabue uscito nell’ottobre 2017. Cosa c’è da sapere sul nuovo film del Liga? Ecco tutte le curiosità su recensione – dopo averla vista in anteprima al cinema Anteo di Milano – cast, trama e trailer…

Luciano Ligabue Made In Italy recensione: un film alla “Liga”

Anche questa volta Luciano Ligabue non perde il suo filo conduttore cinematografico: come aveva già evidenziato in Radiofreccia e in Da Zero a dieci, i suoi due precedenti lavori cinematografici, anche in Made In Italy si vive per tutto l’arco temporale della pellicola un senso di incompiutezza nella vita quotidiana. Anche nel terzo lungometraggio del “regista” di Correggio emergono i problemi lavorativi, la convivenza con le dipendenze – non da droga in questo caso ma da gioco d’azzardo – la paura di restare incompiuti. A fare da cornice a un film apprezzabile la presenza del solito Stefano Accorsi – ormai usato garantito per Luciano Ligabue – nel ruolo di Riko e della bella Kasia Smutniak nel ruolo della “compagna”. I contrasti amorosi tra la coppia è il motore che dà vita all’intera trama. E sullo sfondo una voglia di non lasciare il proprio nido ma di esaltare le bellezze che il nostro Bel Paese è capace di regalarci…

Made in Italy trama: cosa racconta il film di Ligabue

“Made in Italy” è una tormentata dichiarazione di amore verso il nostro Paese, raccontata con le parole e la musica di Luciano Ligabue, attraverso lo sguardo di Riko, un uomo onesto alle prese con una vita in cui tutto sembra essere diventato improvvisamente precario: il lavoro, il futuro, i sentimenti. Ma se a volte rialzarsi non è facile, Riko ha scelto di non darla vinta al tempo che corre: c’è un matrimonio da difendere e riconquistare, ci sono amici su cui contare e una casa da non vendere. Riko decide di mettersi in gioco e prendere finalmente in mano il suo destino.

Made In Italy cast: ecco gli attori protagonisti

Ecco gli attori protagonisti del film di Luciano Ligabue, Made In Italy:

  • RIKO – Stefano Accorsi
  • SARA – Kasia Smutniak
  • CARNEVALE – Fausto Maria Sciarappa
  • MAX – Walter Leonardi
  • MATTEO – Filippo Dini
  • ANGELA – Alessia Giuliani
  • PATRIZIO – Gianluca Gobbi
  • PIETRO – Tobia De Angelis
  • ALLE – Leonardo Santini
  • PAVAK – Jefferson Jeyaseelan
  • REBECCHI – Francesco Colella
  • LIVIA – Silvia Corradin
  • PADRE RIKO – Giuseppe Gaiani
  • FARAH MOGLIE PAVAK – Naya Manson
  • GIORNALISTA ROMA – Filippo Pagotto

Made in Italy film: Luciano Ligabue si racconta

Durante le riprese di “Da zero a dieci” abbiamo saputo della malattia di mio padre e durante i processi di post-­‐produzione ci ha lasciato. Credo di avere sempre, non so quanto consciamente, associato le due esperienze e questo è diventato sicuramente il motivo principale per cui mi sono tenuto a lungo lontano dal fare film. Un’altra ragione (questa, al contrario, dettata da un privilegio) è che potendo contare sulla dicitura “musicista” alla voce “professione” sulla mia carta d’identità, non ho mai avuto la necessità di cercare copioni disponendo, anzi, della facoltà (del lusso, se vogliamo) di poter aspettare una storia se mai ne fosse uscita una (e, certo, se mai qualcuno fosse stato ancora interessato a produrre un mio film).

Infine ho lasciato trascorrere tanto tempo prima di tornare alla regia per un motivo tanto banale quanto pratico (e questo, ahimè, è il meno nobile di tutti): si tratta di mestiere faticosissimo. Quanto meno lo è per me e specialmente se paragonato alla professione di cui sopra. Quali possono essere allora le cause che mi hanno spinto a vincere le mie stesse resistenze? Anche in questo caso ne voglio enumerare tre:

  1. (e questo va naturalmente da sé) una storia che ho creduto valesse la pena raccontare.
  2. un sentimento (l’amore frustrato verso il nostro Paese) che da circa dieci anni provo a esprimere occasionalmente in qualche canzone e che qui poteva essere raccontato da qualcuno (Riko) che, avendo meno privilegi di me, mi sembrava avesse ancora più diritto a una certa incazzatura.
  3. l’anomalia di una storia raccontata in primo luogo attraverso una serie di canzoni che sono arrivate a formare un concept album (altra anomalia di un certo conto, almeno attualmente) poi diventato una sceneggiatura e infine un film in cui le stesse canzoni tornano per accompagnare alcune scene.

 

Replica Isola dei Famosi

Replica L’Isola dei Famosi 2018 prima puntata: ecco dove vedere il video integrale

foggia donna uccisa dal marito

Bellona uccide la moglie, spara ai passanti e si toglie la vita: delirio nel Casertano