in

Marco Boni scomparso a Riva del Garda: un testimone lo avrebbe visto, ecco dove

Marco Boni scomparso a Riva del Garda ultime notizie indagini: passano le ore e gli inquirenti sembrano sempre più convinti che quello del 16enne di Varone sia un allontanamento volontario. Alcune segnalazioni di avvistamento di Marco sono giunte in queste ore dal Bresciano, per la precisione ve ne sarebbe una al vaglio della Procura avvenuta a Vallio Terme. Un signore ha riferito di avere incontrato e parlato con un ragazzo molto simile a Marco, il quale però gli avrebbe detto di chiamarsi Francesco. Lo avrebbe incontrato lunedì scorso tra le 16:30 e le 17 e ha detto di avere il forte dubbio che quel giovane fosse proprio il 16enne scomparso.

Oggi è stata setacciata l’area del monte Brione, anche con i droni, le unità cinofile con il coordinamento di tutte le forze dell’ordine, il soccorso alpino e i vigili del fuoco e domani  avrà luogo un vertice per fare il punto sulle ricerche. “Marco potrebbe non volere farsi trovare”, ha detto il Vice Questore. Le ricerche si concentreranno anche nelle prossime ore sul monte Brione dopo che una testimone sabato scorso ha riferito ai carabinieri di avere udito un urlo molto strano. “Le ricerche non si fermano e sono proseguite in maniera sistematica e capillare con un coordinamento di interforze importante concentrandosi in una particolare area. Andremo avanti”, queste le parole del vicario del prefetto, il dottor Domenico Lione.

TUTTO SULLA SCOMPARSA DI MARCO BONI: LEGGI SU URBANPOST

Le foto di Marco Boni sono state diffuse nelle provincie limitrofe a partire da Verona, Bolzano e Brescia. Rinnovati anche gli appelli sui social network a chiunque sappia qualcosa o creda di avere avvistato il ragazzo a mettersi immediatamente in contatto con le forze dell’ordine. “Marco torna a casa, fatti vivo, qualunque problema lo risolveremo insieme”, così i compagni di scuola del 16enne, convinti che Marco possa sentirli. Il giovane ha con sé pochi soldi e gli investigatori ritengono più che plausibile la pista dell’allontanamento volontario, avvenuto probabilmente “per qualche motivo di carattere personale”.

PIACENZA AGGREDITI CON CHIAVE INGLESE

Piacenza uomo aggredisce moglie e figlio a colpi di chiave inglese: entrambi in fin di vita

bimba scomparsa in francia

Omicidio Maelys news: killer reo confesso ricoverato per “attacchi d’ansia”