in

Marco Vannini news, Antonio Ciontoli si sente una vittima e invoca Dio: su Facebook il post che indigna tanti

Omicidio Marco Vannini ultime notizie: la madre del giovane ucciso a Ladispoli in casa della fidanzata, la notte del 18 maggio 2015, ieri è stata ospite in studio con il marito a Quarto Grado. Marina ha espresso tutta la sua rabbia per la sentenza di primo grado arrivata lo scorso 18 aprile a carico di Antonio Ciontoli e famiglia. La donna è devastata dal dolore per la decisione “ingiusta” della Corte d’assise di Roma di non confermare le richieste di condanna formulate in aula dalla pubblica accusa nei riguardi degli imputati: 21 anni al capofamiglia Antonio Ciontoli, che dello sparo “accidentale” si è sempre assunto la paternità, 14 anni alla moglie Maria Pezzillo che mentì al telefono all’operatore del 118, 14 anni ai figli Martina (fidanzata della vittima) e Federico, e una pena più lieve, di 2 anni di reclusione, per la fidanzata di quest’ultimo, Viola Giorgini, presente sulla scena del crimine quando partì il colpo di pistola.

Omicidio Marco Vannini, la madre a Quarto Grado: “Non sapremo mai la verità”

Come sappiamo infatti le pene inflitte sono state ben più blande: assolta Viola Giorgini, la Corte ha condannato a soli 3 anni la moglie e i figli di Antonio Ciontoli, derubricando il reato ad omicidio colposo. Lui, il principale accusato, è stato invece condannato a soli 14 anni (rispetto ai 21 chiesti), per omicidio volontario. Gli sono state infatti riconosciute le attenuanti generiche nonostante il suo comportamento e quello de familiari dopo il delitto non sia stato di certo collaborativo. Gli imputati infatti hanno continuato a mentire e depistare, tant’è che la famiglia Ciontoli si è rassegnata alla idea che mai conoscerà la verità vera. Come cioè siano andati davvero i fatti quella notte in casa dei Ciontoli, e perché l’uomo abbia sparato al ragazzo.

morte marco vannini news

Marco Vannini news processo Ciontoli: Roberta Bruzzone e l’avvocato Marazzita commentano la sentenza

Antonio Ciontoli si sente una vittima e invoca Dio: il messaggio su Facebook che sta facendo discutere

A fare oltremodo indignare il pubblico in studio, i signori Vannini e l’opinione pubblica, l’atteggiamento assunto dai Ciontoli durante il processo. Gli imputati infatti – che in questi anni non hanno mai rilasciato dichiarazioni pubbliche alla stampa – si sento vittime. Vittime di odio feroce che gli viene riversato sui social quotidianamente, e che dopo la succitata sentenza di primo grado si è decisamente intensificato, poiché il popolo della rete si è rivoltato contro quella che ha apostrofato come “sentenza-vergogna”  che non ha reso giustizia al povero Marco Vannini. E proprio via social ha parlato Antonio Ciontoli, attraverso alcuni post che la redazione di Quarto Grado ieri ha reso pubblici: l’uomo invoca Dio, si appella al Papa, chiede Amore ed esprime orrore per l’odio che la gente riversa su di lui e i suoi familiari. “Dio mio quando odio”, si legge in un post scritto il giorno dopo la sentenza che con lui e con i suoi familiari è stata più che clemente. La rabbia e la disperazione intanto divorano mamma Marina, che si domanda dove Ciontoli avesse messo tutto quell’amore che ora invoca quando, dopo aver sparato a suo figlio, al solo scopo di salvaguardare la sua reputazione e non perdere il lavoro, lo lasciava morire di stenti e non gli prestava il necessario immediato soccorso. 

Concerto Primo maggio Roma artisti 2018: tutti i cantanti in scena

The Wall ospiti 22 aprile 2018: Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti