di Antonio Paviglianiti in

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: 25 anni fa l’inizio di Mani Pulite


 

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi? 25 anni fa l’arresto che diede il via a Mani Pulite, l’inchiesta che rivoluzionò la geografia politica italiana

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: 25 anni fa l’inizio di Mani Pulite

25 anni fa l’inizio di Mani Pulite. La vicenda giudiziaria che fece cadere la Prima Repubblica e si trasformò presto in Tangentopoli partì da Mario Chiesa. Coordinata dalla Procura guidata da Francesco Saverio Borrelli e assegnata in prima battuta ai pm Antonio Di Pietro, Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo, l’inchiesta mise sottosopra l’intero Paese e ridisegnò la geografia politica italiana, spazzando via Psi e Dc. Sotto il profilo giudiziario le persone indagate furono 4.500, le richieste di rinvio a giudizio 3.200, mentre il totale delle tangenti e dei fondi neri avrebbe oltrepassato i 3.500 miliardi di lire. Ma scopriamo insieme Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi.

—> TUTTO SU MANI PULITE

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: l’inizio della carriera politica

Chi è Mario Chiesa? Come è iniziata la sua carriera politica?  Laureato in ingegneria, iniziò a fare politica in una sezione del PSI di Quarto Oggiaro, nel quartiere Musocco-Vialba. Inizialmente vicino alla corrente di Francesco De Martino, successivamente si era avvicinato prima a Carlo Tognol e poi a Paolo Pillitteri.

Nel 1970 Chiesa era stato nominato capogruppo del PSI nel consiglio provinciale di Milano; nel 1972 visto che la società per cui lavorava era intenzionata a mandarlo all’estero attraverso il giro di conoscenze del partito socialista riuscì ad avere un posto di direttore tecnico all’ospedale Sacco di Milano.

—> LE ULTIME NEWS CON URBANPOST

Nel 1980 fu assessore ai Lavori Pubblici del comune di Milano, e nel 1985 all’Edilizia Scolastica. Nel febbraio 1986 riuscì a ottenere la presidenza del Pio Albergo Trivulzio. Dal 1989 si mise in proprio, con l’obiettivo di diventare sindaco di Milano, abbandonando i vecchi protettori e legandosi alla famiglia Craxi: nelle elezioni amministrative del 1990 Chiesa in cambio della riconferma alla presidenza del Pio Albergo Trivulzio sostenne Bobo Craxi, figlio del segretatrio socialista.

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: le vicende giudiziarie e l’arresto

Mario Chiesa venne arrestato il 17 febbraio 1992, quando ricopriva la carica di presidente del Pio Albergo Trivulzio. Fu colto in flagrante mentre accettava una tangente di sette milioni di lire dall’imprenditore Luca Magni, che gestiva una piccola società di pulizie e che voleva assicurarsi la vittoria nell’appalto per le pulizie dell’ospizio.

In seguito a richieste sempre più esose, il piccolo imprenditore Magni aveva contattato il magistrato Antonio Di Pietro per denunciare il presidente Chiesa e insieme decisero di incastrarlo. Si trattò del primo arresto dell’inchiesta di Mani pulite che sfocerà in Tangentopoli.

—> LE ULTIME NOTIZIE DI POLITICA

In seguito all’arresto, Chiesa venne espulso dal PSI e il segretario del partito socialista Bettino Craxi, il 3 marzo 1992, intervistato al TG3, definì Chiesa un mariuolo, sottolineando che il PSI milanese era composto di persone oneste.

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: i conti esteri

Mario Chiesa arrestato. Dopo l’arresto gli inquirenti scoprirono, grazie alla testimonianza della sua ex-moglie Laura Sala, diversi conti bancari in Svizzera, con diversi miliardi di lire intestati alla sua segretaria. L’ex-moglie da tempo aveva intentato una lunga causa per protestare contro l’esiguità degli alimenti che Chiesa pretendeva di versare a lei e al figlio quattordicenne.

Dopo cinque settimane di carcere, il 23 marzo 1992, Chiesa decise di parlare. L’interrogatorio durò più di una settimana e il 2 aprile 1992 gli vennero concessi gli arresti domiciliari. Lo stesso Bettino Craxi, in qualità di leader del PSI, definì Mario Chiesa un mariuolo isolato, una scheggia impazzita di un Partito Socialista che altrimenti – a suo dire – doveva essere integro.

tangentopoli 25 anni fa

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: la valigetta all’asta

La valigetta usata da Magni per portare i contanti è stata venduta all’asta per 5.000 euro nel 2007 al sindaco di Senigallia Luana Angeloni, durante un raduno organizzato dalla trasmissione Caterpillar. Il ricavato è andato in beneficenza all’associazione di Don Luigi Ciotti, che faceva il banditore.

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: la pena scontata

Scontata la pena, Mario Chiesa si riavvicinò all’ambiente politico partecipando a convegni pubblici della Compagnia delle Opere, associazione imprenditoriale legata a Comunione e Liberazione. Ha inoltre affermato di essere entrato nell’ufficio di presidenza dell’organizzazione. Il 31 marzo 2009 Mario Chiesa venne arrestato di nuovo, con l’accusa di essere stato il collettore delle tangenti nella gestione del traffico illecito di rifiuti nella Regione Lombardia. È stato definito “L’uomo del 10%” in quanto avrebbe avuto la capacità di far lievitare i costi di smaltimento dei rifiuti di un decimo rispetto al valore raggiunto a fine gara (d’appalto).

 

Chi è Mario Chiesa e cosa fa oggi: Mani Pulite, il pensiero di Antonino Di Pietro

L’arresto di Mario Chiesa fu condotto dal magistrato Antonino Di Pietro, in futuro diventato noto esponente politico. A distanza di 25 anni il magistrato siciliano si racconta ai microfoni de Il Mattino: “Da una parte rimane l’amarezza nel constatare che nonostante tutto quel che ha scoperchiato Mani Pulite, il sistema della corruzione e del malaffare nella pubblica amministrazione è rimasto ma non come prima: si è ingegnerizzatò per garantirsi maggiore impunità. Dall’altra parte bisogna sottolineare, come dimostrano le inchieste quotidiane, che la magistratura, nella lotta alla corruzione, non ha abbassato la guardia.” questo il pensiero di Di Pietro sull’inchiesta Mani Pulite.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...