di Antonio Paviglianiti in

Mark Zuckerberg laurea ad honorem ad Harvard, la rivincita del fondatore di Facebook


 

Mark Zuckerberg laurea ad Honorem ad Harvard: la rivincita del Fondatore di Facebook che strizza l’occhio alla politica

Mark Zuckerberg laurea

Mark Zuckerberg ha ricevuto la laurea ad honorem ad Harvard. Il fondatore di Facebook, 13 anni dopo, ha ottenuto la sua piccola rivincita. L’imprenditore rinunciò agli studi ad Harvard, senza laurearsi, e ieri si è trovato nell’università Ivy League nella veste di commencement speaker, per pronunciare un discorso guida ai neo laureati. Dopo 13 anni Mark Zuckerberg è salito su un podio del celebre ateneo per ispirare centinaia di giovani che si apprestano a mettere a frutto i loro studi. Zuckerberg, durante il suo discorso ad Harvard, ha guardato indietro negli anni in cui lui stesso era studente, in una stanza del dormitorio dove nel 2004 lanciò “thefacebook.com” che sarebbe poi diventato il gigante Facebook.

—> Tutto sul mondo delle news con UrbanPost <—

Mark Zuckerberg, durante il suo discorso presso l’Università di Harvard, come aveva già fatto qualche mese fa con il Facebook manifesto, ha parlato di una società globale, in cui la lotta non è tra nazioni ma tra diverse idee: da una parte coloro che sono a favore della circolazione di merci e di persone, dall’altra coloro che si oppongono e spingono per creare società chiuse. Inoltre, Mark Zuckerberg ha voluto criticare la struttura sociale in cui viviamo: “C’è qualcosa di sbagliato nel nostro sistema quando una persona può lasciare questa università e fare miliardi di dollari in dieci anni, mentre milioni di studenti non possono permettersi di pagare i loro prestiti studenteschi”.

—> Tutto su Mark Zuckerberg <—

Tra i punti toccati ci sono anche la riforma della giustizia penale, del sistema scolastico e infine una redistribuzione della ricchezza. La svolta politica di Mark Zuckerberg è arrivata in concomitanza con le ultime presidenziali e con la vittoria di Donald Trump anche grazie alla diffusione – secondo esperti del settore – delle cosiddette Fake News.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook