di Michele Iacovone in ,

Massa, medici salvano 29enne da morte certa grazie a un’incredibile operazione


 

Una giovane ragazza sarda di 29 anni era ormai in fin di vita, ma i medici dell’Ospedale di Massa sono riusciti a salvarla grazie a un’incredibile operazione durante la quale il suo torace è rimasto aperto per tre lunghi giorni

Massa, operazione incredibile salva ragazza 29enne da morte certa, torace aperto tre giorni

Le condizioni della ragazza sarda di 29 anni erano a dir poco disperate, la morte era data quasi per certa, ma grazie a un’incredibile quanto singolare operazione ora è guarita ed è tornata a casa. La vicenda è accaduta a Massa il 23 febbraio scorso, nell’Ospedale del Cuore e può essere annoverata di diritto nella storia della sanità italiana. Una notizia più che positiva dopo tanti risvolti negativi dovuti a casi di malasanità.

Durante l’operazione, i medici hanno sostituito l’aorta ascendente la valvola aortica, l’arteria e la valvola polmonari. Una manovra estremamente delicata e che non fornisce spazio all’esitazione. Tutte queste componenti sono state sostituite con protesi artificiali, mentre le arterie coronariche sono state reimpiantate. Sono stati sei i cardiochirurghi ad aver affrontato questa ‘battaglia’ impossibile, combattendo contro la fragilità dei tessuti e un preoccupante sanguinamento tamponato in extremis con ben 15 unità di sangue, piastrine e plasma.

Si tratta di un successo raro e senza precedenti: basti sapere che il torace della paziente è rimasto aperto per tre lunghi giorni. Dopo circa due mesi, la ragazza è potuta tornare a casa. L’assessore al diritto alla salute, Stefania Saccardi, ha commentato: “Siamo orgogliosi del fatto che prima di tutto siamo riusciti a salvare una vita. Il sistema sanitario toscano ha mostrato ancora una volta la propria eccellenza. L’Ospedale del Cuore di Massa è ai vertici di tutte le valutazioni cardiochirurgiche, e questo intervento conferma la qualità dei professionisti e dell’organizzazione di quell’ospedale“.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...