in

Massimo Bossetti news, Ester Arzuffi: il suo secondo segreto mai svelato

Caso Yara Gambirasio news: la madre di Massimo Bossetti, condannato anche in appello all’ergastolo per il delitto, è morta lo scorso 29 aprile. Ester Arzuffi colpita da un tumore fulminante che l’ha stroncata in pochi mesi. La donna “ripeteva come un mantra che la scienza si sbaglia” ha scritto Roberta Bruzzone nella sua rubrica sul settimanale Giallo. La nota criminologa ha fatto una riflessione sul ruolo avuto da questa donna in tutta la vicenda giudiziaria a carico del figlio che lei ha sempre difeso strenuamente, negando l’evidenza scientifica.

madre bossetti morta

Massimo Bossetti: la madre negò sempre l’evidenza scientifica

Ester Arzuffi “ha rappresentato una figura chiave nell’inchiesta per il brutale delitto di Yara e ha portato i suoi segreti con sé. Ma la scienza non sbaglia, ormai lo sappiamo bene: Massimo Bossetti è il figlio biologico di Guerinoni ed è il soggetto che ha lasciato la sua impronta genetica sul corpo straziato della bambina di Brembate”. Continua la criminologa Bruzzone: “Ma Ester non ha mai fatto un passo indietro, decisa e granitica nella sua posizione piuttosto improbabile soprattutto quando avanza l’ipotesi di una “presunta inseminazione artificiale a sua insaputa”. Com’è noto la madre di Bossetti negò sempre di avere avuto una relazione sessuale con l’autista di Gorno deceduto nel ’99 e che per un breve periodo abitò nella sua stessa strada a Clusone. Massimo Bossetti e la sorella Laura Letizia vennero al mondo il 28 ottobre del 1970 all’ospedale di Clusone, appunto. L’inchiesta sull’omicidio di Yara ha ricostruito a posteriori i fatti, svelando che i due fratelli non furono figli biologici di quello che per tutta la vita avevano considerato il loro padre, Giovanni Bossetti, deceduto il giorno di Natale di due anni fa, ma di Giuseppe Guerinoni, appunto.

Leggi anche: Massimo Bossetti lutto, morta la madre: quando Ester Arzuffi disse di essere stata inseminata a sua insaputa

bossetti madre

Ester Arzuffi e il suo secondo segreto inconfessabile

In tutta questa incredibile vicenda, la Bruzzone fa notare che esiste “un giallo nel giallo”, perché “abbiamo un altro padre ‘ignoto’ in circolazione, dal momento che anche Fabio Bossetti non è figlio di Giovanni Bossetti sotto il profilo genetico. Sul punto solo Ester avrebbe potuto fare chiarezza. Ma così non è andata”. Destò molto scalpore inoltre il fatto che, quando fu chiamata a testimoniare in aula al processo di primo grado, la signora Ester decise di non parlare e si avvalse della facoltà di non rispondere. La criminologa Roberta Bruzzone lo evidenzia nella sua riflessione: “Di questa donna mi ha colpito principalmente la decisione di avvalersi della facoltà di non rispondere durante il processo di primo grado che si è concluso con una condanna all’ergastolo per il figlio Massimo”, che lei aveva sempre difeso, ma solo in televisione.

 

Contratto di Governo Lega – M5S, Rocco Casalino: “Oggi si chiude”, ma lo Spread è alle stelle

Amici 2018 Il Serale assegnazioni puntata 19 maggio 2018: ecco tutte le scelte