in

Matteo Branciamore malattia, la rivelazione ‘scottante’ di Marco de I Cesaroni

Matteo Branciamore, attore italiano diventato celebre per il ruolo di Marco nella fiction Mediaset I Cesaroni, si racconta a Chi, settimanale di Alfonso Signorini. Nel giornale in uscita oggi, mercoledì 17 maggio 2017. Branciamore spiega come oggi sia guarito da una “lunga malattia”: “Ero ossessionato dai rapporti con le donne, oggi per fortuna sono guarito. Forse perché sono andato a vivere vicino al Vaticano.” Matteo Branciamore, insomma, non si sente più un latin-lover ed è consapevole di aver, finalmente, raggiunto un proprio equilibrio.

Leggi anche: Tutte le ultime news sul mondo del gossip con UrbanPost

Matteo Branciamore cast Tale e Quale Show

La malattia di Matteo Branciamore

“Sono cresciuto, non mi sento più il poster più amato dalle ragazzine. È vero ne ho conquistate tante, e anche se ammetto che mi è difficile pensarmi come adulto, oggi dalla vita cerco altrospiega Matteo Branciamore a ChiSono single e va bene così. Sto bene con me stesso, credo di aver raggiunto un equilibrio. Cose come paternità, matrimonio le vedo lontane”.

La rivelazione di Matteo Branciamore: “La mia donna ideale”

Ma quale potrebbe essere la sua donna ideale? Matteo Branciamore non ha molti dubbi: “Non deve essere attrice, in passato abbiamo visto che non è andata bene.” L’ex Cesaroni evidenzia: “La donna ideale è naturale, spontanea, ironica: sto cercando la mia versione al femminile… Non vorrei mai mettermi con un’attrice… Per esperienza dico che funziona di più far ridere”.

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

Pensioni 2018 news, arriva l’opzione uomini? Ecco l’ultima proposta e cosa prevederebbe

padre gratien battesimo

Guerrina Piscaglia news, padre Gratien Cassazione a febbraio 2019: cosa potrebbe accadere al prete congolese