in ,

Matteo Renzi al Quirinale, incontro con Napolitano previsto per le 16: la squadra di governo è pronta

Ieri c’è stato il vertice di tutti i partiti che dovrebbero garantire la maggioranza al nuovo governo nascente, quello di Matteo Renzi, incaricato lunedì scorso dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di aprire ufficialmente le consultazioni -accettate con riserva- e formare la nuova squadra di Governo. Giorni travagliati, questi, per il segretario del Partito Democratico, durante i quali il toto ministri rimbalzava da una televisione all’altra, da un giornale online all’altro, in un continuo susseguirsi di supposizioni e previsioni ora smentite, ora confermate. Ma adesso ci siamo, intorno alle 16:00 il Premier incaricato varcherà le porte del Quirinale per incontrare Napolitano e sciogliere finalmente la riserva, presentando la lista dei ministri con un giorno d’anticipo rispetto a quanto era stato ipotizzato qualche giorno fa.Pier Carlo Padoan

Ma cosa si è vociferato finora in merito all’esito delle consultazioni condotte da Matteo Renzi? Di tutto. Le fonti sono tante, e le notizie assolutamente certe al momento sono ben poche. I gruppi parlamentari presenti ieri nel vertice di maggioranza, coordinato dal braccio destro di Renzi Graziano Delrio, erano nove: Pd, Ncd, Sc, Pi, Udc, Psi, Cd e minoranze linguistiche di Sud Tirolo e Val D’Aosta. Tanti i nodi da sciogliere, soprattutto in merito ai ministeri dell’Economia e della Giustizia, e non meno spinose le richieste avanzate dal Ncd. Lo stesso Angelino Alfano nella tarda serata di ieri ha avuto un incontro con l’ex sindaco di Firenze, durato poco più di un’ora e mezza, avvenuto anche in presenza di Graziano Delrio, Dario Franceschini e Maurizio Lupi.

Da quanto si è appreso Matteo Renzi avrebbe messo il leader del Ncd dinnanzi ad una scelta: “O resti vicepremier o ministro dell’Interno. Basta con i ‘rilanci’, io domani (venerdì) vado al Colle, fatemi sapere la vostra scelta”. Alfano, secondo le indiscrezioni, avrebbe propenso per il Viminale, ma è ancora tutto da confermare. Benché le parole del neo Premier siano state rassicuranti – “è questione di ore e chiudiamo tutto”, ha dichiarato infatti uscendo dalla sede del Pd di Roma – il futuro governo Renzi-Alfano pare non aver ancora chiarito definitivamente tutte le ‘questioni’. E mentre l’Italia tutta aspetta di conoscere l’anima del Governo nascituro, fonti Ocse riferiscono che Pier Carlo Padoan è ripartito dal G20 di Sidney, diretto verso Roma. L’ipotesi più accreditata è che, alla luce della sua esperienza in materia economica, il ministero dell’Economia sia destinato proprio a lui. Staremo a vedere.

sanremo 2014 anticipazioni

Sanremo 2014: Riccardo Sinigallia e Frankie Hi Nrg sotto controllo ?

sanremo 2014 ospiti

Sanremo 2014: il flash mob in stile Glee con cui Fabio Fazio ha “fregato” tutti (video)