in

Matteo Renzi viaggio per il mondo, Saviano gli dà del Salvini: è polemica

“Starò fuori dal giro per qualche mese”. Lo ha annunciato Matteo Renzi che, dunque, vuole autoimporsi di rimanere dietro le quinte, limitando le incursioni in questa fase. Nei prossimi mesi, il senatore semplice di Firenze ha un’agenda internazionale: ha iniziato a girare il mondo facendo discorsi ‘politici’, invitato in paesi stranieri tra lobby, partiti politici, capi di Stato e grandi imprenditori. Una via che altri leader prima di lui hanno seguito, ultimo Barack Obama, dando seguito alla rete di relazioni internazionali intessute negli anni di Governo. Dopo il Qatar, Renzi è stato in Kazakhstan e, scrive il Corriere della Sera, altre tappe sono in arrivo.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo della politica

Renzi e la linea del Partito Democratico

E sulla linea del Pd, l’ex Premier annuncia: “Sul Pd la palla è in mano a Maurizio Martina: non mi interessa fare alcuna corrente. Io sono intervenuto solo per bloccare l’operazione di accordo con il M5S. La cosa giusta da fare. Lega e grillini hanno promesso un libro dei sogni da 100 miliardi: il reddito di cittadinanza ne vale 20, la Flat tax 60, quota 100 vale 16, le clausole Iva 12. E noi dovremo essere i primi a farci sentire quando gli italiani capiranno che le risorse per realizzare i sogni non ci sono, e finirà la luna di miele”.

trattative nuovo governo

Renzi viaggi nel mondo, l’accusa di Saviano e Calderoli

Parole che scatenano le critiche degli avversari politici. A cominciare da Calderoli: “È inaccettabile che faccia il turista con lo stipendio pagato dai contribuenti italiani”. Ma a intervenire sulla scelta di Renzi non sono solo gli avversari in Parlamento. Anche lo scrittore, Roberto Saviano, pronuncia parole critiche nei confronti dell’ex premier. Lo accusa di aver completato la distruzione del fronte riformista e di provare a imitare Salvini dandosi latitante in Parlamento.

I renziani difendono il leader

In difesa di Renzi si schierano diversi esponenti del Pd. Come il senatore Dario Parrini che risponde a Calderoli: “Ma il Calderoli che dice queste assurdità è lo stesso Calderoli collega di partito del campione di assenze al Parlamento europeo, Matteo Salvini, che ha disertato persino il primo voto legislativo in Senato della settimana scorsa? Se è lui, aiutatelo. Ho due certezze: che Matteo Renzi farà il proprio dovere istituzionale, come sempre. A partire dalla seduta di domani”. Mentre Simona Malpezzi, vicepresidente del Gruppo Pd al Senato, scrive su Twitter: “Calderoli continua ad essere ossessionato da Renzi. Vorrei ricordargli che ora la Lega è al governo e che la mitologica stagione delle felpe e dei selfie è finita. Consiglio a Calderoli di occuparsi dei fatti e di smetterla di seguire i suoi incubi”.

Bibione: trovato cadavere nel fiume Tagliamento, si tratta di un uomo

Simone Inzaghi matrimonio: testimone Alessia Marcuzzi, ma il loro figlio è in ospedale (FOTO)