in

Matteo Salvini diretta Facebook: “Sono ‘indiavolato’, Mattarella dà l’incarico al signor nessuno. Berlusconi? Senza parole”

Dopo lo sfogo di Luigi Di Maio a Che tempo che fa, le accuse di Alessandro Di Battista direttamente dal palco di Fiumicino del Movimento 5 Stelle, arriva anche lo sfogo di Matteo Salvini, leader della Lega. Nella diretta Facebook ha sottolineato: “Sono arrabbiato come una bestia. Mai mi sarei sognato che consegnando la lista dei diciotto ministri mai mi sarei aspettato di sentirmi dire no, non si può. Qualcuno con un click ha deciso di far morire il Governo Conte. Non andate più a votare? No, l’esatto contrario. Le prossime elezioni saranno un plebiscito, un referendum tra vecchio e nuovo: dobbiamo fare fuori tutti i signori dello Spread, dei mercati finanziari. La gente in Italia non ha più soldi, i negozi chiudono, le partite iva finte ma sono lavoratori subordinati senza regole. Italiani che lavorano in nero a due euro all’ora perché ci sono gli immigrati che drogano il lavoro. Non posso dare soldi agli italiani? Ci hanno fregato adesso ma stravinceremo la prossima volta.”

Leggi anche: Tutte le news della giornata politica di oggi 27 maggio 2018

Matteo Salvini: “Cottarelli? Il signor nessuno che sarà votato dal Pd”

“Mattarella ha convocato Cottarelli? Ma come un fondo monetario internazionale? Proprio quel sistema che ci ha portato ai problemi di oggi e non va bene il Governo Lega – Movimento 5 Stelle perché a qualcuno in Europa non va bene e il signor Savona osò contestare l’Europa? Cottarelli non ha anche il voto della sua famiglia. Lo vota il Partito Democratico? Devo confessare che le dichiarazioni di Berlusconi non le ho capite: difronte a un attacco alla democrazia lui ha espresso solidarietà a Mattarella. Proviamo con il signor Cottarelli, vediamo se qualche disperato pur di non mollare la poltrona daranno la fiducia. Il Pd e Renzi appoggeranno Cottarelli, facciamo una scommessa?”

Matteo Salvini: “Berlusconi? Senza parole…”

Ho tenuto salda l’alleanza con il centrodestra per mesi, sono andato con il Movimento 5 Stelle dopo il suo lasciapassare e adesso devo leggere queste cose?! La solidarietà al Presidente della Repubblica? Invece di dire mezza parola in difesa di un suo alleato… capirò nelle prossime ore. Questo è il momento della calma ma sono indiavolato. Dopo aver fatto tutto questo lavoro ed essendomi confrontato con voi, tante idee le abbiamo raccolte nelle piazze, nei gazebo. Abbiamo scritto insieme un pezzo di storia del Paese e ci siamo sentiti dire no in pochi minuti… non è serio, non è rispettoso.

Matteo Salvini: “Voglio la data delle elezioni, sarà un referendum”

“Si tratta della rappresentazione di uno scontro non tra destra e sinistra ma è lo scontro tra chi domani deve affrontare il problema della Partita Iva, il problema del mutuo, dell’affitto del negozio, della fabbrica che mette in cassa integrazione, i figli che non sanno che futuro hanno. Gli sbarchi ora sono nuovamente aumentati… lo spread sale. I clandestini tornano… Sarei stato onorato e orgoglioso per restituire speranza a milioni di italiani. Invece no, non si può. Salvini e la Lega non possono.  E ci devono dire la data delle prossime elezioni politiche. Mattarella non ha dato incarico a un governo di centrodestra perché non avevamo i numeri; niente incarico a un governo Lega – 5 Stelle perché i poteri forti europei non volevano; lo dà a un signor sconosciuto. Vogliamo la data delle elezioni. E non saranno elezioni politiche. Sarà un referendum.”

Matteo Salvini e Mattarella: “Impeachment? Calma”

“Impeachment? Ci penseremo da domani in avanti, non entro nel merito. Devo sbollire la rabbia. In piazza? Ragazzi calma, capisco la vostra rabbia. Mattarella non mi rappresenta in questo momento ma come colui che ha bloccato un Governo pronto a partire. Poi se avessimo lavorato male ci avreste punito con il voto.”

Alessandro Di Battista contro Mattarella: “Ultimi colpi di coda di animali politici morenti! Cottarelli? Piano già studiato”

Via Calzabigi lancia i calzini fashion contro la povertà in Africa grazie a “Socks For Africa”