di Antonio Paviglianiti in

Maturità 2017, quanti orrori agli Esami di Stato: latita la cultura generale


 

Maturità 2017, quanti orrori agli Esami di Stato: dalla geografia alla storia, la cultura generale preoccupa e non poco

Maturità 2017, siamo agli sgoccioli: ultimissimi giorni di orali per migliaia di studenti impegnati con l’ultimo atto delle scuole superiori. Gli Esami di Stato passeranno alla storia per lo strafalcione del Miur con le celebri “TRACCIE”, ma non sono gli unici a dover mettere la testa sotto la sabbia. Se il Ministero dell’Istruzione sbaglia, gli studenti non sono da meno. E un approfondimento di Skuola.net, sito specializzato per gli studenti di tutta Italia, ne regala una fotografia fedele.

>>> Tutte le news con UrbanPost <<<

Le chiamano “Fantasiose invenzioni” quelle trovate dagli studenti impegnati con la Maturità 2017 capaci di spaziare dalle scienze alla geografia, passando per il latino e la letteratura. Tacito è uno storiografo vissuto a Roma e autore degli Annales e delle Historiae nonché penna che avrebbe dato vita a “La Germania” riportando la biografia di Adolf Hitler: una sorta di Nostradamus insomma.

>>> Tutte le notizie curiose con UrbanPost <<<

Capitolo storia? Beh, non sapevamo che durante la Seconda Guerra Mondiale ci fosse già spazio per le navicelle di Dragon Ballo o Star Wars: sempre Skuola.net scrive di un maturando che avrebbe rivelato agli orali che “già durante la Seconda guerra mondiale si utilizzavano le navicelle spaziali.” Bomba atomica diventata un: “Terremoto di Hiroshima del 1945, a causa del quale sarebbe crollata un’importante centrale nucleare, con conseguenti rischi per le persone e l’ambiente.” avrebbe messo fine al secondo conflitto mondiale. In arte nessun dubbio: Skuola.net racconta di come alla Maturità 2017 sia diventato celebre ‘L’urlo’ del pittore norvegese Munch: non ce ne voglia quest’ultimo, ma per i maturandi è di proprietà di Vincent van Gogh…

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...