in

Max Biaggi nuova voce di Italia1 per la Superbike

Grandi manovre nel mondo degli eventi sportivi, da quest’anno la Superbike passa su Italia 1, e sul canale digitale Italia 2, e a commentare le gare saranno Giulio Rangheri, già commentatore del Motomondiale con Guido Meda, e il due volte campione del mondo Superbike Max Biaggi.

L’ex pilota di casa Aprilia aspettava che la cosa fosse ufficializzata da Mediaset ma le continue indiscrezioni hanno portato il pilota romano a comunicarlo ai suoi followers di Twitter; da poco ritiratosi dalle corse dopo aver vinto il mondiale Superbike 2012 insieme ad Aprilia l’azienda di Cologno Monzese l’ha ingaggiato per commentare le gare, la sua avventura da “non-pilota”, come lui stesso ha scritto su Twitter, inizierà il 24 febbraio con il Gran premio d’Australia.

Superbike

D’altronde Biaggi l’aveva detto che sarebbe rimasto nel mondo delle corse anche se sembrava che il suo futuro fosse destinato a una collaborazione tecnica con l’Aprilia. Il pilota romano non è il primo e non sarà l’ultimo pilota ad essere passato al ruolo di commentatore tecnico in televisione, a Italia 1 non è una novità, già Loris Reggiani che per dieci anni ha commentato il Motomondiale insieme a Guido Meda.

Dopo anni di gare motociclistiche il pilota romano sarà all’altezza del ruolo di commentatore tecnico? E come commenterà il Corsaro i suoi (ex) colleghi di pista?

Written by Tommaso Tiepolo

Nato a Mirano (VE), classe 1993.

Blogger, studente, atleta, fotografo e sbandieratore. Appassionato di televisione, un piccolo curriculum che va da: analista del programma RAI Tv Talk, stagista a Rete Veneta come montatore e cineoperatore, autore per il sito Fanpage e adesso blogger per Urban Post.

Ogni tanto bazzica per Rai2 a L'ultima parola, dove partecipa all'anteprima web e in trasmissione come pubblico; non solo preferisce andare come semplice spettatore a Quelli che trasmissione preferita da quando a condurla c'è Victoria Cabello.

Il suo sogno? Fare la televisione!

Maccio Capatonda debutta su MTV con Mario

Sito expo 2015 Milano

Expo 2015, Di Stefano: “parliamo di cibo e cultura, non di cemento”