in ,

Michael Goolaerts morto alla Parigi-Roubaix: cosa sappiamo finora

La Gendarmerie francese ha aperto un’inchiesta sulla morte di Michael Goolaerts, il ciclista della Veranda’s Willem-Crelan colpito da un malore e successivo arresto cardiaco domenica 8 aprile 2018 durante la Parigi-Roubaix. L’incidente attorno alle 14, a 125 km dall’arrivo della storica gara internazionale: immediati i soccorsi dei medici e il ricovero del 23enne corridore belga, ma Goolaerts  è morto alle 22:40 di ieri nell’ospedale di Lille. A darne notizia è stata proprio la sua squadra, la Veranda’s Willem-Crelan. Le condizioni di Michael Goolaerts  erano apparse subito molto serie, negli istanti immediatamente successivi all’incidente. In un tratto di pavè del tracciato della corsa, nel settore 28  fra Viesly e Briastre, l’uomo è caduto a terra, perdendo conoscenza, ed ha avuto poi un arresto cardiaco. I primi soccorritori, parte del personale medico che assiste la Parigi-Roubaix, gli hanno praticato un massaggio cardiaco ed è stato rianimato con il defibrillatore. Dopo essere stato intubato, Goolaerts è stato poi portato in ospedale a Lille dall’eliambulanza.

Al momento gli inquirenti non hanno fatto alcuna ipotesi sulle cause del decesso del giovane ciclista belga. Anche dalla squadra di Goolaerts non trapela nulla, ma lo sconcerto tra i compagni è grande. Si sa solo che il giovane talento della Veranda’s Willem-Crelan non aveva mai dato alcun segno di problemi fisici. Le televisioni non hanno mostrato il momento esatto della caduta, di cui però è stato testimone diretto Thierry Govenou, il direttore di corsa. I soccorsi medici sono arrivati dopo 2-3 minuti ed hanno agito tempestivamente.

michael goolaerts morto

Sulla pagina Facebook della società ciclistica belga campeggia un post di cordoglio che non fa riferimento alcuno alle cause che possono aver portato alla morte il 23enne ciclista belga. Michael Goolaerts, nato il 24 luglio 1994, era professionista dal 2013. Brevissima e ancora priva di successi la sua carriera ciclistica: da ricordare solo una vittoria di tappa al Tour du Loir-et-Cher del 2016 e il quarto posto alla Parigi-Chauny del 2015.

Written by Andrea Monaci

46 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, economia e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Governo 2018, Martina da Fazio: “Non siamo il piano B di nessuno, neanche del centrodestra”

giappone scossa magnitudo 6.1

Terremoto oggi in Giappone: scossa magnitudo 6.1 a Ohda