di Vincenzo Mele in ,

Mike Tyson e il business della marijuana: l’ex pugile diventa imprenditore


 

Mike Tyson diventa imprenditore: l’ex pugile ha acquistato 16 ettari di terreno in California per coltivare la marijuana, divenuta legale dal 1° gennaio 2018

morso mike tyson evander holyfield

Mike Tyson passa dallo sport all’imprenditoria: l’ex pugile ha acquistato 16 ettari di terreno in California per farci una piantagione di cannabis. La produzione della marijuana è divenuta legale in California a partire da 1° gennaio 2018. La California è diventato dunque l’ottavo stato americano ad ammettere l’uso ricreativo dell’erba, dopo Alaska, Colorado, Maine, Massachussets, Nevada, Oregon e Washington. Mike Tyson ha fiutato il business e si è lanciato in questo nuovo campo.

Mike Tyson apre il “Tyson Ranch”: un’opportunità per il lavoro e per il turismo

Il Tyson Ranch, come è stato denominato l’appezzamento di terreno acquistato dall’ex campione dei pesi massimi, è situato a California City, un piccolo comune di 15mila abitanti ai margini del Parco Nazionale della Death Valley. La zona potrebbe diventare in breve tempo la punta di diamante della cosiddetta “Green Rush” (“la febbre dell’erba”), il tanto atteso boom di questo nuovo e discusso business. Secondo il sindaco di California City, Jennifer Wood, l’iniziativa di Mike Tyson rappresenterà un grande beneficio per tutta la comunità, creando nuovi posti di lavoro e dando una mano al turismo.

Robert Hickman, uno dei partner di Mike Tyson in questa sua nuova avventura, intervistato dal sito americano The Blast, ha spiegato come solo 8 ettari di terreno saranno adibiti per la piantagione di marijuana, gli altri saranno coinvolti in altri progetti, come la Tyson Cultivation School, dedicata a chi vorrà imparare il mestiere del produttore di cannabis.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanCalcio

Leggi anche

Commenta via Facebook