di M.B. Michela in , ,

Milano espulsa ragazza di 22 anni: aveva contatti con l’Isis e stava progettando attentato in Italia


 

Milano espulsa ragazza di 22 anni: aveva contatti con l’Isis e stava progettando attentato in Italia. Di nazionalità egiziana, si era radicalizzata via web

isis news espulsa egiziana

Milano: espulsa una ragazza di 22 anni di nazionalità egiziana con la grave accusa di terrorismo. Il suo nome è Fatma Ashraf Shawky Fahmy, presente sul territorio nazionale e in regola con il permesso di soggiorno, era incensurata e senza lavoro.

Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dalla Digos, la giovane era in contatto con un membro dell’Isis, al quale prima avrebbe chiesto di poter raggiungere la Siria per combattere per lo stato Islamico, ma per le evidenti difficoltà di realizzazione del piano, avrebbe poi offerto la sua disponibilità a collaborare per la realizzazione di un attentato suicida in Italia, senza però ricevere risposte dai suoi interlocutori.

>>> Pordenone: vittima di abusi accoltella il suo aguzzino, il presunto orco è in fin di vita <<<

Fatma è stata considerata radicalizzata e in contatto con i terroristi dello Stato Islamico; è nata il 3 giugno del 1995 a Giza, in Egitto, ed è stata espulsa su decisione del ministero dell’Interno. Di lei sappiamo che viveva nel quartiere Gratosoglio, alla periferia sud-ovest di Milano, insieme ai genitori e a tre fratelli minori. L’inchiesta ha appurato che il suo percorso di radicalizzazione era iniziato nel 2013 e il suo cambiamento, anche comportamentale, diventava sempre più palese ed inequivocabile. Il vestiario indossato era spesso il niqab (velo integrale) completo di guanti neri.

Gli investigatori hanno messo sotto intercettazione il suo telefono cellulare e ogni comunicazione intercorsa tra lei e i suoi familiari era oggetto di attenzione. Ciò ha evidenziato che la 22enne esclusi i familiari non aveva rapporti con altre persone, eccezion fatta per una vicina di casa. Tutto il tempo lo trascorreva davanti al computer e su siti internet dedicati, così si sarebbe radicalizzata. Ciò è stato confermato anche fonti di intelligence e della sezione antiterrorismo della Digos.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook