in

Milano palazzina crollata: 9 persone coinvolte estratte vive dalle macerie

Milano palazzina crollata: parte di un edificio di due piani ha ceduto nella prima mattina di oggi, sabato 31 marzo, a Rescaldina, nell’hinterland milanese. Il crollo sarebbe avvenuto dopo un’esplosione. Secondo le prime indiscrezioni giunte dal luogo della tragedia, i Vigili del fuoco al lavoro da ore avrebbero già estratto tre persone vive dalle macerie dello stabile di due piani, parzialmente crollato. Sul posto i soccorritori hanno scavato incessantemente per ore tra le macerie.

Potrebbe interessarti anche: Scomparsa a Bordighera: Paola Gambino è morta, la famiglia conferma

La palazzina crollata è sita in via Baracca a Rescaldina, in zona nord ovest di Milano. Sarebbero almeno 9 le persone rimaste coinvolte, tre delle quali, come già specificato, sarebbero state estratte vive; una sarebbe stata tratta in salvo proprio in questi minuti. Una quarta persona, si è appreso, sarebbe stata individuata sotto i crolli. Sebbene ancora non sia possibile asserire con certezza le esatte cause dell’incidente, sembra ormai accertato che sarebbe stata una forte esplosione ad aver causato il cedimento strutturale della palazzina a due piani.

L’ultim’ora dal luogo dell’accaduto dà conferma del fatto che sono 9 le persone rimaste coinvolte e tutte estratte dalle macerie e trasportate in vari ospedali del circondario. Fortunatamente, dunque, non ci sono vittime. I feriti più gravi sono due coniugi intubati sul posto e portati all’ospedale Niguarda con ustioni sul corpo; nessuno di loro sarebbe in pericolo di vita. Al momento del crollo nello stabile erano presenti quattro minori e cinque adulti. Si è udito nel quartiere un forte boato intorno alle 7:45, poi subito è stato lanciato l’allarme e sul posto sono giunti i vigili del fuoco. La Questura di Milano ha riferito che il crollo ha interessato tre appartamenti su un totale di dodici.

Elezioni Comunali 2018 date e dove si vota: le linee guida presentate dal Ministero degli Interni

Pensioni 2018 quattordicesima

Camera e Senato 2018, chi rinuncia alle indennità? Da Fico alla Carfagna, tutto quello che c’è da sapere