di Antonio Paviglianiti in ,

Modello 730 2017, sconti mobili, energia, beneficenza: risparmiare con la Dichiarazione dei Redditi, ecco come fare


 

Prima bozza per il Modello 730 2017 e la Dichiarazione dei Redditi: come risparmiare? Ecco i consigli utili

Modello 730 2017 online: ecco la bozza

L’inizio di un nuovo anno segna sempre un momento importante per la vita economica dei cittadini. Infatti, sono sempre le prime settimane a presentare le novità sulla Dichiarazione dei Redditi. E da giorno 5 gennaio 2017, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, è disponibile la bozza del Modello 730 2017 con le istruzioni per la compilazione. Sono tante le novità introdotte dal nuovo modello della Dichiarazione dei Redditi. Tra tutti? Le novità introdotte come agevolazioni sui premi dei risultati ottenuti dai dipendenti del settore privato oltre al cosiddetto “regime speciale” previsto per quei lavoratori rimpatriati.

Ma cosa dobbiamo sapere sul Modello 730 2017? Ecco tutte le novità.

—> TUTTE LE NOTIZIE SU URBANPOST

Modello 730 2017 sconti: bonus Mobili

Iniziamo dagli sconti del Modello 730 2017. Con la Dichiarazione dei Redditi su cosa si potrà risparmiare? Anzitutto, con questa prima bozza presentata dalle Agenzie dell’Entrate è interessante prendere in esame lo sconto del bonus mobili. Prendiamo in esame determinati casi:

  • GIOVANI COPPIE: Quando queste, se non sposate, siano almeno conviventi di fatto da almeno tre anni, uno dei due componenti non deve avere 35 anni e che nel 2015, o nel 2016, abbia acquistato un immobile da adibire come abitazione principale. A queste coppie viene riconosciuta una detrazione del 50% delle spese sostenute a patto che queste rientrino nel limite di 16.000,00 euro per l’acquisto di mobili nuovi.
  • DETRAZIONE LEASING: Un altro aspetto da prendere in esame relativamente al Modello 730 2017 risulta essere la cosiddetta detrazione. Si tratta della quota del 19% dell’importo dei canoni di leasing già pagati nel 2016 per acquistare unità immobiliare da destinare ad abitazioni principali ai contribuenti. Questo sconto è riservato a coloro che non superano i 55.000,00 euro di reddito. L’importo dei canoni per cui si può usufruire dello sconto?
    a) 8000 euro: Quando si stipula il contratto il contraente ha meno di 35 anni.
    b) 4000 euro: Quando si  stipula il contratto il contraente ha 35 o più anni.
  • PREZZI DI RISCATTO: Altro sconto con il Modello 730 online è relativo all’agevolazione dei riscatti se, nel 2016, sono stati pagati i prezzi che non siano superiori a 20.000 euro qualora si abbiano meno di 35 anni; 10.000 euro se 35 o più anni.

—> LE NEWS DI BUSINESS CON URBANPOST

Modello 730 2017: Bonus Energia

Dopo aver esaminato il bonus Mobili, andiamo a prendere in esame, adesso il bonus energia con il Modello 730 2017. Stando alla bozza presentata giorno 5 gennaio 2017 dall’Agenzia delle Entrate, chi ha acquistato un’abitazione di classe energetica A o B può avere riconosciuta una detrazione del 50% della quota IVA pagata nel 2016. Inoltre, viene riconosciuta una detrazione del 65% per il totale delle spese 2016 sostenute per acquisto, installazione, messa in opera di dispositivi tecnologici per il controllo remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda.

Modello 730 2017: Bonus donazioni

Per quanto concerne, invece, le donazioni, cosa dobbiamo sapere per le detrazioni previste nel modello 730 2017 che prendono in esame l’anno di imposta 2016? Si può fruire della deduzione del 20% di erogazioni liberali, donazioni o altri atti a titolo gratuito. Questa cifra, però, non deve superare i 100.000 euro e devono essere a favore di trust o fondi speciali che operano nel settore della beneficenza. Per le erogazioni liberali in favore del sistema nazionale di istruzione, non superiore ai 100.000 euro, viene riconosciuto un credito di imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate. Quest’ultimo, sarà diviso in tre quote annuali.

Modello 730 2017: sconti sulla produttività

Altro aspetto da prendere in esame relativamente al Modello 730 2017 è il cosiddetto Bonus Produttività. I dipendenti del settore privato che percepiscono premi di risultato per un importo non superiore a 2.000 o 2.500 euro avranno una tassazione agevolata. Inoltre, viene segnalato che se il premio è percepito in denaro si avrà uno sconto IRPEF del 10%.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro