di Stephanie Barone in , ,

Modello 730 precompilato 2017 istruzioni: tutte le novità sulle spese scolastiche e universitarie


 

Dall’Agenzia delle Entrate sono arrivate le istruzioni per il modello 730 precompilato 2017: ecco tutte le novità relative alle spese scolastiche e universitarie.

modello 730, modello 730 precompilato 2017, 730 precompilato 2017, modello 730 spese scolastiche, modello 730 spese istruzione, modello 730 istruzioni, modello 730 scadenze,

Dall’Agenzia delle Entrate sono arrivate le prime istruzioni relative al modello 730 precompilato 2017. Oltre ai cambiamenti relativi alle date di presentazione – il modello 730 sarà disponile “in lettura” dal 18 aprile ma modificabile solo dal 2 maggio e da presentare entro e non oltre il 24 luglio attraverso la piattaforma web – diverse le novità relative a cosa scaricare. Importanti sono in particolar modo per le famiglie le spese scolastiche e universitarie detraibili. Ecco tutto quello che dovete sapere su cosa è possibile scaricare e quali documenti sono necessari.

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Le spese scolastiche: cosa scaricare e documenti da conservare

Come spiega la circolare dell’Agenzia, “la detrazione al 19% spetta sia per le spese di frequenza della scuola secondaria di secondo grado sia per quelle delle scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione del sistema nazionale di istruzione di cui all’art. 1 della legge n. 62 del 2000, costituito da scuole statali e da scuole paritarie private e degli enti locali”. Quali però le spese scolastiche sostenute dai genitori che è possibile scaricare nel modello 730 precompilato 2017?

Rientrano nelle spese di frequenza le tasse e i contributi obbligatori così come “i contributi volontari e le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica”. Rientrano quindi in questa categoria la mensa scolastica, i servizi scolastici integrativi, le gite scolastiche, l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto quali corsi di lingua e teatro, svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza.

Non rientrano invece tra le spese scolastiche detraibili nel modello 730 precompilato 2017 l’acquisto di materiale di cancelleria e dei testi scolastici per la scuola secondaria di primo e secondo grado e il trasporto scolastico. Si ricorda inoltre che la detrazione è calcolata su un importo massimo di 564 euro per l’anno 2016 per alunno o studente, da ripartire tra gli aventi diritto. Fondamentale per poter richiedere la detrazione è aver conservato le ricevute o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti, bollettini o bonifici bancari per la mensa scolastica

=> Scoprite anche le detrazioni relative alla casa!

Le spese di istruzione universitaria: cosa scaricare e documenti da conservare

La circolare dell’Agenzia delle Entrate relativa alle istruzioni per le spese scolastiche detraibili ricorda che è possibile scaricare anche quelle universitarie. Nella misura del 19% è possibile quindi scaricare corsi di istruzione universitaria, corsi universitari di specializzazione, corsi di perfezionamento, master universitari, corsi di dottorato di ricerca, istituti tecnici superiori, nuovi corsi presso Conservatori di Musica e istituti musicali pareggiati.

Per questa categoria di spesa, quali i pagamenti che è possibile detrarre? Rientrano nel modello 730 tasse di immatricolazione ed iscrizione, soprattasse per esami di profitto e laurea, tasse per partecipare a test di accesso ai corsi, la frequenza dei Tirocini Formativi Attivi. Non rientrano invece, oltre alle tasse per i titoli conseguiti all’estero, le spese relative all’acquisto di libri scolastici, strumenti musicali, materiale di cancelleria, viaggi ferroviari, vitto e alloggio. Anche in questo caso da conservare per poter accedere alla detrazione sono le quietanze di pagamento.

Per tutti i dettagli si rimanda alla circolare dell’Agenzia delle Entrate.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook