in

Monti ha aumentato la spesa pubblica

Uno degli obiettivi principali della missione del governo tecnico, ossia la diminuzione della spesa pubblica, attraverso la tanto pubblicizzata Spending Review, è stato raggiunto? Secondo il Centro Studi Unimpresa le cifre del Bilancio Pubblico dicono l’esatto contrario: la spesa pubblica (pagamenti correnti ed in conto capitale dell’amministrazione centrale dello stato, al netto quindi degli interessi sul debito) è aumentata, nei primi 11 mesi del 2012, di 32,6 miliardi, rispetto ai primi 11 mesi del 2011. Questo incremento ha oltretutto vanificato la dolorosa stretta fiscale imposta ai cittadini, che ha portato maggiori entrate per 17,5 miliardi nello stesso periodo (quindi al netto del saldo IMU).

Scontata, e sconsolata, la conclusione tratta dal Presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, secondo cui solo famiglie ed imprese hanno pagato i “sacrifici”, mentre il bilancio pubblico non è andato incontro ad alcuna “dieta”. Il prossimo governo dovrà attuare una vera e propria lotta agli sprechi, in modo da consentire un alleggerimento della pressione fiscale, a sua volta necessario per uscire dalla recessione.

Nato a Molfetta, residente da più di 20 anni a Bergamo, e innamorato follemente di Milano. Laureato in Economia Aziendale, ha una passione smisurata per la pubblicità, che ha trasformato in lavoro, occupandosi di Consulenza di Marketing, Copywriting e "Socialcosi". Altre passioni sono i viaggi, la tecnologia, il calcio, le ragazze (non necessariamente in quest'ordine) e l'automobilismo, per cui è giornalista, telecronista e speaker in pista.

Scontro tra Santoro e Mentana: il conduttore di Servizio Pubblico pronto a lasciare La7

Elezioni Politiche 2013

Un Decreto per far votare 25mila studenti Erasmus