in

Monza: donne trovate morte in casa a Ornago, scarcerato il parente accusato del presunto duplice delitto

Monza, madre e figlia ritrovate morte in casa da giorni ultime news: è stato scarcerato Paolo Villa, 75 anni, tratto in arresto  il 10 febbraio perché sospettato di aver ucciso la sorella di 85 anni, Amalia Villa, e la nipote di 52, Marinella Ronco. Le due donne erano state trovate senza vita nell’appartamento che condividevano con l’uomo, a Ornago. La scarcerazione è stata decisa oggi, 22 febbraio, dal Gip di Monza dopo l’esito degli accertamenti medico-legali secondo cui la causa dei decessi di entrambe le donne sarebbe, per quanto difficile da credere, naturale. Il 75enne, colto da malore lo scorso 10 febbraio mentre si trovava nel bar vicino casa, era stato dapprima trasportato in ospedale, nel reparto di psichiatria dell’ospedale San Gerardo di Monza e lì piantonato dagli agenti di polizia, poi in un secondo momento trasferito in carcere. La Procura di Monza poi ha chiesto che l’uomo venisse rimesso in libertà visti i risultati degli accertamenti parziali medico legali sui corpi delle due donne che, questo dicono le indiscrezioni, smentirebbero l’ipotesi di omicidio.

Il 75enne Paolo Villa era stato accusato di aver ucciso la sorella Amalia Villa e la figlia di lei Marinella Ronco, e di avere lasciato i loro cadaveri in casa per giorni. A rendere nota la decisione del Gip del Tribunale di Monza è stato l’avvocato difensore di Villa, Maura Traverso. La scarcerazione è stata decisa dopo l’esito degli accertamenti medico-legali che ipotizza per le due donne una morte naturale. Dopo l’arresto l’anziano si è chiuso sempre di più in se stesso, probabilmente anche per aver appreso di essere rimasto solo al mondo a causa della scomparsa dell’unica sorella e della nipote con cui viveva. Ancora non è chiaro perché l’uomo non abbia segnalato alle forze dell’ordine che le due donne erano morte. Probabile che ora, seppur scarcerato, resti ricoverato, in attesa di comprendere quali siano le sue condizioni mentali e dove possa andare a vivere, visto che la sua casa è ancora sotto sequestro per il compimento delle indagini.

Monza madre e figlia trovate senza vita in casa: erano morte da giorni

Si attende l’esito degli accertamenti tossicologici e istologici sui cadaveri di madre e figlia, nella speranza che possano ulteriormente chiarire la causa precisa dei decessi delle due donne. Non si esclude infatti che l’anziana sia morta in seguito a malore per un possibile suicidio della figlia, sui cui polsi sarebbero stati riscontrati dei tagli. Marinella infatti da ragazza aveva avuto una forte depressione a causa di una relazione sentimentale finita male e soffriva per una profonda ulcera su un piede, che potrebbe essere stata la causa del forte sanguinamento. Tuttavia è ancora da capire chi ha pulito il sangue nella camera da letto dove le donne sono state trovate senza vita, vegliate per almeno una settimana da Paolo Villa, persona conosciuta in paese, con un passato da assessore e attivo nel mondo del volontariato.

Diretta Atalanta-Fiorentina

Dove vedere Atalanta – Borussia Dortmund diretta TV: una notte da sogno per la Dea

Personale Ata 2018 scelta scuole, c’è la data: ecco quando sarà possibile indicare i 30 istituti