in

Mooges, il sensore intelligente che trasforma gli oggetti in strumenti musicali

Bruno Zamborlin, oltre ad essere laureato in Informatica alla Goldsmiths University of London e ricercatore, è anche musicista. La sua formazione culturale e professionale, grazie al suo ingegno, ha trovato modo di fondersi alla passione per la musica che lo connota e prendere la forma di Mooges, un particolare dispositivo che si attacca a qualunque oggetto e superficie trasformandoli in strumento musicale, grazie ad uno smartphone.Bruno Zamborlin

Farlo funzionare è facilissimo. E’ sufficiente collegare allo smartphone un’estremità del sensore mentre l’altra va poggiata ad un qualsiasi oggetto, dal tavolo della cucina alla ringhiera del balcone piuttosto che al monitor del televisore. Basterà quindi toccare o percuotere questi oggetti perché il sensore, trasferendo le vibrazioni ad una App, le analizzi e le trasformi in suoni. Uno strumento utilissimo per chi vuole avvicinarsi alla conoscenza del pentagramma senza aver alcuna esperienza in materia musicale o anche semplicemente un modo per divertirsi.

Zamborlin ha scelto di proporre la sua invenzione tramite Startup, e chiede 50.000 sterline per autofinanziarsi nella piattaforma di crowdfunding Kickstarter. Al momento è stata raccolta oltre la metà della cifra richiesta, la sottoscrizione del finanziamento sarà operativa fino al 19 marzo e l’offerta minima raccolta va da 1 sterlina in su.

Matteo Renzi riforma costituzionale in stallo

Governo Renzi verso la fiducia della Camera, cosa avverrà oggi

Erick Thohir cessione Inter

Serie A, Inter: Thohir pensa in grande