in

Morte Giulia Di Sabatino news: la testimonianza di un camionista ribalta la ricostruzione fatta finora dagli inquirenti

Morte Giulia Di Sabatino news, una scarpa. Da quella calzatura rinvenuta accanto ai resti della povera diciottenne, deceduta la notte del suo compleanno, forse si arriverà alla soluzione del caso. Sulla suola della sua scarpa, infatti, non sono state trovate tracce di ruggine e terriccio compatibili con la ringhiera in ferro e il parapetto del cavalcavia da cui si sarebbe dovuta lanciare e sotto il quale sono stati rinvenuti i suoi resti. Giulia Di Sabatino, il cui cadavere smembrato è stato trovato all’alba del 1° settembre 2015 sull’asfalto della A14, tra Giulianova e Mosciano, non avrebbe scavalcato sua sponte la balaustra di metallo, ma sarebbe stata spinta giù e/o lanciata da lì o, in alternativa, qualcuno avrebbe posizionato il suo cadavere in autostrada.Ne sono sempre stati convinti i genitori, ospiti in studio ieri 9 maggio a Chi l’ha visto?, ed ora la loro convinzione è avallata anche dalla perizia del Ris.

La nuova ipotesi investigativa che dunque sta prendendo piede in queste settimane è che la ragazza potrebbe essere stata già morta o in stato di incoscienza quando è finita sulla carreggiata. Possibile che nessuno l’abbia vista precipitare o, morta, sull’asfalto? Di certo Giulia non volava. Doveva aver appoggiato il piede”, ha sottolineato Federica Sciarelli davanti alla mamma di Giulia. Alla vigilia della scadenza delle nuove indagini chieste dal Gip di Teramo, durante la diretta del programma di Rai 3 ieri si è parlato della possibile svolta nel caso: sulla suola delle scarpe di Giulia sarebbe stato trovato terriccio non compatibile con quello prelevato vicino al cavalcavia, ed anche una particolare sostanza chimica usata per i deodoranti forse calpestata sul pavimento di qualche locale dove la ragazza quella sera potrebbe avere incontrato il suo presunto assassino. Potrebbe dunque aprirsi un nuovo scenario investigativo. Un suicidio, quello paventato dagli inquirenti, al quale la famiglia di Giulia non ha mai creduto. Giulia progettava un viaggio a Londra, non si trovava certo in condizioni psicologiche di prostrazione, quindi per i genitori il suicidio è da escludere categoricamente.

Morte Giulia Di Sabatino news: svolta da perizia su scarpe, chi sono i 3 indagati

Due le testimonianze su cui verte l’inchiesta, e che ricostruiscono le ultime ore di vita di Giulia. Un automobilista che la vide “intorno alla mezzanotte” (ma il teste non ha mai saputo dire l’ora esatta dando un riferimento temprale incerto) in strada nel cavalcavia, lei fuori da un’auto, una Panda rossa con motore acceso, discutere animatamente con il conducente, che le strattonava il braccio. Si tratta del 26enne indagato che, solo perché il suo liquido seminale è stato rinvenuto dai Ris negli slip della giovane, ha ammesso tardivamente di averla incontrata nel locale Millennium quella notte e di essere andati a casa sua per consumare un rapporto sessuale. Dopo, “alle 4:30 l’ho riaccompagnata e lasciata sul cavalcavia perché me lo ha chiesto lei”, ha detto il ragazzo che a detta della madre di Giulia “ha sempre mentito”. L’inviata della trasmissione è stata cacciata dal padre del giovane mentre cercava di avvicinarsi a casa sua e di fargli delle domande.

indagini morte giulia di sabatino

C’è poi la testimonianza di un camionista: “La vidi sull’autostrada, sorretta da due persone“. Racconto che dunque smentisce l’ipotesi del suicidio e la caduta dal cavalcavia. Il camionista avrebbe visto Giulia in autostrada. Chi l’ha visto? ha dunque rilanciato l’appello: possibile che nessun altro sia passato di lì in quel momento e non abbia visto Giulia?

Uomini e Donne trono classico

Uomini e Donne anticipazioni trono Over oggi: cosa succederà in studio? Le ultimissime

The Voice of Italy 2018 finale: ospiti, brani, come si vota, regolamento, chi vincerà? (GUIDA COMPLETA)