in ,

Morte Mario Biondo news moglie: “Ricerche video a luci rosse”, ecco il tweet di mamma Santina

La madre di Mario Biondo, condividendo su Twitter un articolo spagnolo, ha postato una frase che getta inquietanti dubbi sulla figura della sua ex nuora, Raquel Sánchez Silva: “Mario cercava video porno a nome Raquel Sanchez Silva!! abbiamo le prove !!”.

A cosa allude mamma Santina? La famiglia del cameraman palermitano trovato morto nel maggio 2013 nella casa di Madrid dove viveva con la moglie, nota soubrette spagnola, dalla prima ora si è opposta alla tesi del suicidio paventata dagli inquirenti spagnoli e, denunciando i suoi dubbi alla magistratura italiana, ha fatto sì che, almeno in Italia, si continui ad indagare in cerca di prove su quella che per i signori Biondo, e la loro consulente di fiducia Roberta Bruzzone, sarebbe una certezza: il trentenne non si sarebbe impiccato, ma sarebbe stato vittima di un omicidio spacciato per suicidio.

Leggi anche: Morte Mario Biondo, impiccato con la sciarpa preferita della moglie: emersi nuovi particolari

Raquel Sanchez Silva – sostiene, com’è noto, la famiglia Biondo – non si sarebbe mai mostrata collaborativa con gli inquirenti palermitani titolari delle indagini. Per i coniugi Biondo la donna nasconderebbe qualcosa e sarebbe implicata – a quale titolo non è dato sapersi – nella vicenda, per questo sarebbe così reticente. Santina Biondo e il marito Pippo sostengono che Mario sarebbe arrivato a dubitare così tanto della moglie da arrivare a fare ricerche su internet in merito al presunto video a luci rosse di cui in oggetto. Eccolo il tweet di mamma Santina datato 9 ottobre, che getterebbe ulteriori dubbi sul ruolo della ex nuora in questa ancora oscura vicenda, e supporrebbe l’esistenza di un presunto video a luci rosse “a nome Raquel Sanchez Silva”.

belen due figli da iannone

Belen Iannone gossip, la showgirl: “Ecco perché Andrea mi ha stregato”

Marco Ragini Africa Ujana interviste

Calcio estero, Marco Ragini intervista esclusiva all’allenatore dell’Ujana: “Vi racconto la mia Africa”