in

Morte Pamela news: Innocent Oseghale potrebbe essere presto scarcerato, ecco perché

Morte Pamela Mastropietro ultime news: ci sono novità in merito alle indagini sulla scomparsa e morte della 18enne romana, fuggita dalla comunità di recupero per tossicodipendenti ‘Pars di Corridonia il 29 gennaio, e ritrovata morta, il cadavere fatto a pezzi, il 31 gennaio scorso nelle campagne di Pollenza.

pamela uccisa e fatta a pezzi

C’è infatti un secondo indagato, si tratta di un altro nigeriano amico spacciatore di Innocent Oseghale, in carcere con l’accusa di vilipendio e occultamento di cadavere. Il secondo indagato per concorso in omicidio e spaccio di sostanze stupefacenti (a piede libero) si chiama Desmond, è un nigeriano richiedente asilo, chiamato in correità da Oseghale, secondo cui sarebbe stato lui a vendere a Pamela una dose di eroina. Desmond inizialmente ha detto al magistrato di non conoscere la ragazza: “Non la conosco, non l’ho mai vista, non le ho ceduto la droga e non sono mai stato nell’appartamento di Innocent, che peraltro ho visto qualche volta nella sala scommesse”. Aveva detto di trovarsi ad un corso di italiano la mattina del 30 gennaio, quando Oseghale avrebbe ‘agganciato’ Pamela nei giardini di via Diaz, ma poi smentito da evidenze investigative in mano agli inquirenti, ha ammesso di essere entrato nell’appartamento di via Spalato 124 a Macerata, dove sarebbe avvenuto lo scempio del cadavere di Pamela, che lì – sempre secondo la ricostruzione – sarebbe entrata sua sponte insieme ad Oseghale per farsi di eroina ed avere poco dopo una crisi provocata da overdose, dice il nigeriano arrestato. In quell’appartamento ieri sono tornati i Ris ed hanno isolato diverse impronte digitali ancora ignote, nuove tracce ematiche e sequestrato i dispositivi elettronici in uso ad Oseghale, scarpe ed indumenti. Poi hanno prelevato un campione di Dna (tampone salivale) al nuovo indagato in presenza del suo legale, per procedere alla comparazione con i profili genetici repertati sul posto.

Morte Pamela news: Innocent Oseghale fa prime ammissioni ma “non l’ha uccisa”

Intanto si apprende che Oseghale potrebbe essere presto scarcerato, non sussistendo a suo carico prove evidenti di un omicidio. Il suo legale Michele Andreano lo ha detto chiaramente: “Rispetto alle contestazioni della Procura (omicidio, occultamento e vilipendio di cadavere), il Gip non ha ritenuto sussistenti gli elementi indiziari dell’omicidio. Per vilipendio la pena è da un minimo di tre a un massimo di sei anni, per l’occultamento fino a tre anni. Quindi, dovendo scegliere per esempio un rito abbreviato, potrebbe ricevere una condanna a tre anni. L’indagato non è stato poi messo in libertà per mancanza di un domicilio idoneo quindi, quando lo troverà, potrebbe essere presto rilasciato”.

pamela mastropietro news

 

 

Chi l’ha visto? stasera 7 febbraio 2018: il caso di Pamela Mastropietro

EX DEPOSITO FERROVIARIO OSSA UMANE

Milano giovane donna trovata morta in casa, si indaga per omicidio