in ,

Morte Renata Rapposelli news: il cerchio si stringe attorno a figlio ed ex marito

Pittrice uccisa: nuovo accertamento sul cadavere

Morte Renata Rapposelli ultime news: la sensazione è che la svolta nelle indagini relative al giallo di Giulianova sia imminente. Si apprende in queste ore che gli inquirenti – convinti della colpevolezza di Giuseppe e Simone Santoleri, ex marito e figlio della pittrice uccisa – starebbero stringendo il cerchio attorno ai due indagati.

Si cercano tracce dei loro profili genetici sui vestiti e sul cadavere di Renata Rapposelli, la pittrice anconetana scomparsa dopo averli incontrati a Giulianova (Abruzzo) il 9 ottobre, e trovata cadavere il 10 novembre in fondo a una scarpata sul Chienti, nelle campagne di Tolentino (in provincia di Macerata, nelle Marche). A tal proposito il pm di Ancona titolare delle indagini, Andrea Laurino, ha disposto un ulteriore accertamento medico legale sul cadavere della donna, che verrà eseguito il prossimo 25 gennaio all’obitorio dell’ospedale di Macerata, dove si trova la salma. all’esame potranno assistere anche i due indagati accompagnati dai propri consulenti tecnici.

morte renata rapposelli

Morte Renata Rapposelli: il cerchio si stringe attorno al figlio e l’ex marito

Intanto nei giorni scorsi si è appreso che a breve saranno depositati i risultati degli accertamenti tecnico-scientifici eseguiti dai Ris su coperte e federe prelevate dalla abitazione dei Santoleri, sul terriccio isolato all’esterno e all’interno della Fiat 600 bianca in uso agli indagati, e comparato con quello presente nell’area di campagna in cui il cadavere di Renata è stato ritrovato. Determinanti per capire le cause della morte della pittrice 64enne anche gli esiti degli esami tossicologici, poiché gli inquirenti ipotizzano che la vittima sia stata avvelenata, poi soffocata o strangolata. La svolta potrebbe anche giungere dalle perizie sui dispositivi elettronici in uso ai Santoleri – 12 telefonini, un pc e una pen-drive e diverse schede sim intestate a Simone – inclusi gli accertamenti sulle ricerche web effettuate dal 43enne.

Morte Renata Rapposelli news: delitto d’impeto poi gestito con estrema lucidità

Renata Rapposelli morte: il parere della criminologa Bruzzone

Di determinante importanza per le indagini anche ciò che è emerso dalla analisi sulle celle telefoniche: il cellulare della vittima e quelli dei due indagati – accusati di omicidio volontario pluriaggravato e occultamento di cadavere – agganciano infatti la medesima cella telefonica (area stazione ferroviaria di Giulianova) intorno alle 13 del 9 ottobre, e si spengono tutti e tre in contemporanea “nel medesimo intervallo temporale e nello stesso luogo”, spiega nel ricostruire i fatti Roberta Bruzzone sul settimanale Giallo. Per la criminologa “se l’esito di tali accertamenti confermerà l’ipotesi della Procura, difficilmente i due indagati resteranno ancora a piede libero”.

Nancy Coppola film, l’ex naufraga de L’Isola dei Famosi sbarca al cinema

Ultimi sondaggi elettorali 2018

Ultimi sondaggi elettorali, EMG: Centrodestra al 36,7%, nove punti in più del Centrosinistra