in

Nazionale, la prima Italia targata Di Biagio: che sia l’inizio di un lungo ciclo glorioso

L’Italia post Ventura riparte da Gigi Di Biagio, traghettatore o no poco importa, il nuovo commissario tecnico avrà il compito di azzerare tutto e ripartire dalle poche certezze: Buffon, il blocco difensivo, i giovani. Questa sera contro l’Argentina esordirà la prima Italia targata Gigi Di Biagio, ovviamente ancora con molte incognite, ma con la voglia e soprattutto la grinta di dimenticare la brutta parentesi svedese. Che sia allora l’inizio di un lungo ciclo glorioso, capace di bissare il successo del 2006.

Italia-Svezia

Argentina-Italia, la prima formazione di Gigi Di Biagio

L’Italia di Gigi Di Biagio parte con la prima defezione: Giorgio Chiellini ha dovuto alzare bandiera bianca e al suo posto il commissario tecnico ha convocato Angelo Ogbonna, centrale difensivo del West Ham. L’ex Torino è favorito per affiancare Bonucci in difesa. Tra le novità del ct azzurro pare possa esserci la possibilità di vedere sia Jorginho che Verratti in campo. Il centrocampista del PSG agirebbe da mezzala e da supporto alla manovra offensiva. L’altra novità, invece, potrebbe essere l’esordio dal primo minuto di Federico Chiesa, preferito a Candreva sulla destra. In porta l’onnipresente Gigi Buffon, perché questa Italia non può che ripartire da lui.

🇮🇹#gigi #dibiagio 🇮🇹

A post shared by Nazionale Italiana di Calcio (@italia_nazionale_calcio) on

Probabile formazione Italia: Buffon; Florenzi, Bonucci, Ogbonna, Spinazzola; Jorginho, Verratti, Pellegrini; Chiesa, Immobile, Insigne.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Napoli calcio, De Laurentiis e Sarri discutono il rinnovo: le richieste dell’allenatore

Governo 2018

Governo 2018, come funziona la votazione del Presidente della Camera e del Presidente del Senato?