in

Nemesi storica: la morte di Prospero Gallinari ricorda quella di Aldo Moro

Gli ultimi minuti di vita di Prospero Gallinari, il carceriere di Moro, infatti, ricordano quelli dello statista che fu (anche) suo prigioniero per 55 giorni nel covo di via Montalcini. Sia chiaro: la differenza è abissale non fosse altro perché Gallinari è deceduto per cause naturali. Tuttavia dei punti di contatto ci sono. L’accostamento non vuole essere blasfemo perché il ricordo e il rispetto, la statura del presidente della Democrazia Cristiana sono stelle polari che ci consentono di orientarci ancora e soprattutto oggi,  in un periodo politicamente imbarazzante.

Ma torniamo ai fatti. Entrambi, e sembra davvero un terribile scherzo del destino hanno vissuto i loro ultimi attimi all’interno di una vettura e dentro un garage. Chissà, forse Gallinari non si è neanche reso conto che la sua vita era agli sgoccioli, ma è come se il  fato, proprio nell’ora decisiva abbia imposto all’ex brigatista di vivere lo stessa stessa, drammatica e conclusiva esperienza di Aldo Moro, forse (vogliamo interpretarla così) sperando in un ultimo, forse tardivo anelito di quella redenzione e di quel pentimento che non avevano mai albergato nel cuore di Gallinari.

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Clio Make Up, ecco l’app per Iphone ed Android

Elezioni Regionali Lazio, Storace candidato Pdl. Figuraccia Lorenzin