di Antonio Paviglianiti in

Nobel per la Medicina 2017: premio assegnato a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young


 

Nobel per la Medicina 2017 vincitori: premiati Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young per aver teorizzato l’orologio biologico. Ecco chi sono e come funziona…

Nobel per la Medicina 2017, il premio è stato assegnato a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young per aver scoperto il meccanismo molecolare che controlla il ritmo circadiano, ossia il comportamento dell’orologio biologico. Il comitato svedese che assegna il Premio Nobel per la Medicina 2017 ha motivato così la propria assegnazione: “Le loro scoperte spiegano come piante, animali e umani adattano il loro ritmo biologico in modo da sincronizzarlo con la rivoluzione terrestre.”

>>> Tutte le news con UrbanPost 

Nobel per la Medicina 2017: chi è Jeffrey C. Hall

Nobel per la Medicina 2017, chi è Jeffrey C. Hall? 72 anni, è nato nel 1945 a New York e si è laureato nell’università di Washington a Seattle. Dal 1971 al 1973 ha lavorato nel California Institute of Technology (Caltech) in Pasadena. Nel 1974 si è trasferito nella Brandeis University di Waltham in 1974 e nel 2002 in quella del Maine.

>>> Le notizie utili con UrbanPost <<<

Nobel per la Medicina 2017: chi è Michael Rosbash

Chi è, invece, Michael Rosbash che ha vinto il Nobel per la Medicina 2017? Il ricercatore ha 71 anni, è nato a Kansas City e si è laureato nel 1970 nel Massachusetts Institute of Technology (Mit). Nei tre anni successivi ha lavorato in Europa, nell’università scozzese di Edimburgo, e nel 1974 è rientrato negli Stati Uniti e da allora ha lavorato nella Brandeis University.

Nobel per la Medicina 2017: chi è Michael W. Young

Infine, ecco chi è Michael W. Young: il vincitore del Nobel 2017 per la Medicina ha 68 anni, è nato nel 1949 a Miami e si è laureato nell’università del Texas ad Austin nel 1975. Da allora fino al 1977 ha lavorato nell’università di Stanford e dal 1978 nella Rockefeller University di New York.

Come funziona l’orologio biologico teorizzato da Hall, Rosbash e Young

Ma come funziona effettivamente l’orologio biologico teorizzato da Hall, Rosbash e Young che gli ha consentito la vittoria del Premio Nobel per la Medicina 2017? “La vita sulla terra si adatta alla rotazione del nostro pianeta. E da molti anni sappiamo che gli organismi viventi, inclusi gli esseri umani, hanno un orologio biologico interno che li aiuta ad anticipare e adattarsi al ritmo regolare della giornata – si legge nelle motivazioni dell’Accademia dei Nobel di Stoccolma -. Ma come funziona effettivamente questo orologio? Hall, Rosbash e Young sono stati capaci di guardare all’interno del nostro orologio biologico e chiarire le sue funzioni. Le loro scoperte spiegano come le piante, gli animali e gli esseri umani adattano il loro ritmo biologico in modo che sia sincronizzato con le rivoluzioni della Terra.”

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook