in

Novara, imbrattate le tombe di due bambine di origine africana: «Episodio vergognoso!»

Nel “Campo degli Angeli” nel cimitero di Novara sono state imbrattate le tombe di due bambine. Le due piccole sepolte nel comune piemontese erano di origine africana. Un fatto questo che non dà certezze, ma che parimenti non può escludere l’ipotesi dell’ombra razzista dietro il terribile e vergognoso gesto. 

Il sindaco leghista Alessandro Cannelli ha parlato di episodio indegno, ma è cauto: potrebbe essersi trattato del dispetto di uno squilibrato. «Episodio vergognoso, ma non possiamo fare alcuna ipotesi. Lo stesso papà che ha scoperto gli scarabocchi neri sulla foto della figlia ha notato che c’erano anche altre lapidi dedicate a bambini di colore che invece non sono state toccate. È più probabile che si tratti del gesto di un folle che ha colpito a caso, ma è comunque un fatto gravissimo». Ad accorgersi dell’accaduto il padre di una delle due bambine, che come al solito era andato a trovare al cimitero la figlia scomparsa prematuramente. Dopo essersi accorto che la foto della piccola era stata imbrattata con alcuni segni di pennarello, l’uomo ha denunciato il fatto al responsabile del servizio cimiteriale. Subito è stato avvisato il comune di Novara. Il fatto si sarebbe verificato lo scorso venerdì.

Il sindaco Alessandro Cannelli si è mostrato vicino ai familiari delle due bambini. «Quegli scarabocchi sulle foto delle bambine sono vergognosi!» ha affermato il primo cittadino che ha incaricato la polizia municipale di Novara di indagare sull’episodio. «Il camposanto non è videosorvegliato all’interno: ci sono le telecamere soltanto agli ingressi, ma entra ed esce tanta gente e sarà difficile individuare il responsabile. Ho chiesto però controlli per individuare l’imbrattatore nel caso in cui provasse a tornare in azione!» ha spiegato il sindaco ai giornalisti. Un episodio sconcertante che ha allarmato l’intera comunità di Novara. Fatti simili devono essere veramente puniti. L’ipotesi razzista poi non fa altro che aggravare un episodio di per sé già vergognoso. Almeno i morti lasciamoli lasciare riposare in pace. 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. È nata a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Gatto killer: si addormenta sopra neonato in culla e lo uccide

giallo siracusa news badanti scomparsi

Badanti scomparsi a Siracusa news oggi: no archiviazione, disposte nuove indagini