in

Nuovi Lea, Sanità: fecondazione, autismo e celiachia, ecco la lista completa

Dopo un’attesa lunga ben 15 anni sono stati aggiornati i nuovi Lea, ovvero i livelli essenziali di assistenza previsti dal Servizio Sanitario Nazionale sia gratuiti che dietro pagamento del ticket. Molte le novità del documento firmato lo scorso 12 gennaio 2017 dal Primo Ministro Paolo Gentiloni.

A rientrare nei nuovi Lea e quindi nelle prestazioni garantite dal Servizio Sanitario Nazionale vi sono la fecondazione assistita sia eterologa che omologa, i nuovi vaccini, i trattamenti previsti per la celiachia, molte malattie rare e l’esenzione dal ticket per l’endometriosi. Anche lo screening alla nascita rientra nei Lea, così come il trattamento dell’autismo, la diagnosi precoce, la cura, il trattamento individualizzato, il sostegno alle famiglie e l’aiuto nell’integrazione nella vita sociale. Le malattie rare che rientrano nei Lea sono 110.

Anche per le malattie croniche invalidanti è stata rettificata la lista: sono sei le patologie esenti dal pagamento del ticket, tra cui si ritrovano endometriosi, sindrome da talidomide e broncopneumopatia ostruttiva. È stato, inoltre, aggiornato il nomenclatore protesico fermo dal lontano 1999: rientrano nella lista anche ausili di tipo informatico e comunicativo come comunicatori oculari, tastiere adattate, apparecchi acustici digitali, carrozzine a tecnologia avanzata. Il Servizio Sanitario Nazionale fornirà tutti i supporti previsti in caso di disabilità come il supporto per la doccia, arti artificiali di ultima generazione, sistemi di puntamento mediante lo sguardo e di riconoscimento vocale. Prevista anche la terapia del dolore e i trattamenti contro la ludopatia.

[dicitura-articoli-medicina]

Aggiornamento Android Nougat 7.0 per samsung galaxy S6 e S7 consigli batteria

Anticipazioni aggiornamento Android 7.0 Nougat su Samsung Galaxy S6 e S7: consigli per la batteria dello smartphone Android

Pensioni 2017 news: riforma a rischio per scontro sul Def

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41, ci saranno criteri di priorità per l’accesso?