di Alessandro Cirinei

Oggi, la giornata mondiale per dire basta alla violenza sulle donne…


 

Le cifre sono spietate, un femminicidio ogni 48 ore! Un’abitudine intollerabile in una società moderna che deve essere fermata a tutti i costi.

violenza donne Festival Bologna

Oggi è un giorno importante soprattutto per gli uomini, quelli normali, che non perdono la testa…quelli che sanno bene che le donne non si picchiano nemmeno con un fiore! Le donne protestano in modo vibrante perchè, nonostante l’avvenuta conquista, almeno in certi paesi occidentali di una sorta di parità, della tanto bramata libertà, ancora devono subire la furia cieca di certi piccoli uomini che semplicemente usano la violenza per riaffermare in qualche modo la loro presunta dominazione.

La donna ormai è in grado di primeggiare sull’uomo su tanti fronti ma ciò non toglie che un uomo deve amarla, deve rispettarla e deve usare dolcezza.
Invece purtroppo la donna è ancora picchiata, perseguitata, stuprata e molto spesso uccisa. I numeri parlano di 120 omicidi  nei primi 10 mesi del 2012 e di ben 139 nel 2011. Quasi 90 stupri denunciati nei primi 4 mesi di questo anno, ben due volte quelli del 2011, per non parlare di maltrattamenti vari che, come si sa, sono solo una piccola parte di quelli reali.
Spesso la donna perseguitata, pestata selvaggiamente, vittima di azioni di stalking, ha paura di denunciare e non si sente protetta dallo Stato.
Stiamo parlando dell’Italia e non di un paese retrogrado. Troppo spesso si sente parlare di “delitti passionali” e uxoricidi, causati dall’incapacità dell’uomo di accettare un amore finito il più delle volte per sua stessa colpa. Persone incapaci di contenere l’odio e di scatenare la violenza picchiando e seviziando persone solo fisicamente più deboli.
Una strage di dimensioni allucinanti che oggi tutti devono condannare.

Questa giornata deve smuovere gli animi di tutti e fortunatamente le manifestazioni e gli eventi sono presenti in tutto il territorio nazionale. Per il ministro degli Esteri Giulio Terzi, è intenzione del governo prendere di petto questo problema in modo prioritario. Il femminicidio verrà considerato un delitto contro l’umanità e verrà predisposto un ergastolo automatico.

Ci auguriamo davvero che questi “mezzi” uomini vengano puniti con pene severe e che, soprattutto, venga diffusa una coscienza morale che prevenga ogni genere di violenza. La donna è la compagna dell’uomo e vale quanto l’uomo, nessuno si azzardi ad usarle violenza!

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...