in

Omicidio Alessandro Neri: la madre interrogata per tre ore, novità dall’autopsia

Omicidio Alessandro Neri ultime notizie: sentita oggi dagli inquirenti per 3 ore la madre del 29enne di Pescara trovato morto lo scorso 8 marzo in un torrente, in un’area di campagna sita nella zona di San Silvestro, a Fosso Vallelunga. Laura Lamaletto avrebbe fornito ulteriori particolari e informazioni sulle abitudini e frequentazioni del figlio che potrebbero dare aiuto gli inquirenti impegnati nelle indagini. Il colonnello dei Cc Marco Riscaldati ha precisato che quella avvenuta sarebbe “una normale audizione”.

pescara alessandro neri news

Ieri è stata eseguita l’autopsia sul cadavere di Alessandro, colpito frontalmente da un colpo di arma da fuoco in pieno petto. Poche le indiscrezioni trapelate sull’esame autoptico; a tal riguardo Il Messaggero scrive che il ragazzo “sarebbe stato picchiato” prima di essere ucciso. Si tratta tuttavia di una indiscrezione non ancora ufficializzata dalla procura. L’investigazione continua senza sosta su più fronti: quello dei reperti, degli accertamenti scientifici e dei tabulati telefonici. Gli iqnuirenti infatti stanno cercando di risalire alle persone che Alessandro doveva incontrare lunedì sera, quando è scomparso. I Carabinieri hanno acquisito vario materiale, tra cui computer e vecchi telefoni della vittima. Allo stadio del capoluogo adriatico durante la partita di serie B Pescara-Parma, è stato esposto uno striscione con la scritta “Nerino (soprannome del giovane) nel cuore. La Nord ti rende onore”; il giovane era infatti un grande tifoso biancazzurro.

Leggi anche: Omicidio Alessandro Neri news: autopsia conclusa, la verità dai tabulati telefonici?

trovato morto ragazzo scomparso a pescara

“Non so e non voglio sapere cosa stanno facendo gli investigatori, ma so che stanno lavorando bene. Prenderanno chi ha ucciso Ale. Questo è il mio unico progetto di vita oggi”, ha dichiarato una agguerrita, seppur distrutta dal dolore, Laura Lamaletto, “Gli amici lo chiamavano “Nerino ehi mà”, sia perché era l’ultimo dei miei figli sia per la sua abitudine di non staccarsi mai da me, di dirmi sempre dove andava e nell’ultimo ricordo che ho di lui mi dice: ciao mammina, io esco, ma non so se torno a cena. Ci siamo abbracciati. È stata l’ultima volta che l’ho visto”.

Lorenzo Crespi a Domenica Live: “Due proiettili calibro nove indirizzati a me”

Italiani scomparsi in Messico news, cadaveri smembrati: famiglia esclude siano loro ma un particolare preoccupa