in

Omicidio Alessandro Neri news indagini: ci sarebbe una lista di sospettati

Sembra ormai escluso che il delitto di Alessandro Neri sia avvenuto all’interno della sua auto, trovata parcheggiata e chiusa a chiave sul lungomare di Pescara, a circa 6 km di distanza da dove l’indomani, 8 marzo, è stato rinvenuto il suo corpo senza vita, in una zona di campagna alla periferia della città. Su quella vettura, una Fiat 500 rossa, i Ris stanno svolgendo tutti gli accertamenti del caso al fine di rinvenire tracce biologiche o altri elementi utili alle indagini. Dopo l’autopsia si è potuto constatare che il decesso del 29enne di Spoltore sarebbe avvenuto 48-60 ore prima del ritrovamento, la sera in cui è scomparso, quindi, quando anche il suo cellulare si spense.

pescara alessandro neri news

Sebbene non risultino persone iscritte formalmente nel registro degli indagati e davvero poche certezze vi siano sul movente dell’omicidio, in queste ore sono emerse due importanti indiscrezioni relative alle indagini che vengono condotte nel più stretto riserbo. La prima è che nell’inchiesta starebbe operando anche la Polizia tributaria della Finanza nella ipotesi che il movente del delitto sia di natura economica e che Alessandro sia stato vittima di una faida familiare per presunti screzi tra parenti in merito alla eredità. Si tratta al momento, ovviamente, solo di una ipotesi non suffragata da elementi oggettivi e che la famiglia Lamaletto-Neri ha voluto sminuire e smentire.

Leggi anche: Omicidio Alessandro Neri news: due piste investigative al vaglio, ecco quali

trovato morto ragazzo scomparso a pescara

La seconda importante indiscrezione è che gli inquirenti avrebbero già stilato una lista di sospettati sui quali indagare, avendo individuato l’ambiente di provenienza dell’assassino e dei suoi presunti complici. Il cerchio, dunque, si starebbe stringendo. Al momento tuttavia non è stato stabilito se il killer abbia o meno agito da solo. Nella ipotesi che Alessandro Neri stesse frequentando delle persone pericolose, non si esclude che possa aver prestato del denaro a soggetti contigui ad ambienti malavitosi. In questa fase preliminare delle indagini, dunque, tutte le piste investigative restano aperte.

 

Stephen Hawking morto

Stephen Hawking è morto: addio all’astrofisico britannico di fama mondiale

Lavoro a Roma concorso pubblico per educatori e insegnanti

Personale Ata 2018 scelta delle scuole: domande al via da oggi, ecco fino a quando c’è tempo