in

Omicidio Alessandro Neri news: secondo proiettile alla testa il colpo mortale

Omicidio Alessandro Neri ultime notizie: novità sulle indagini relative al delitto del 29enne di Pescara trovato morto lo scorso 8 marzo in un torrente, in un’area di campagna sita nella zona di San Silvestro, a Fosso Vallelunga. Anzitutto le modalità dell’omicidio: non uno sparo al torace avrebbe ucciso il giovane, il colpo mortale gli sarebbe stato inferto con un secondo colpo di arma da fuoco alla testa sparato da una pistola di piccolo calibro. Alessandro è stato colpito mortalmente quando già si trovava a terra, ferito. I colpi di pistola sono stati esplosi a distanza ravvicinata, molto probabilmente in un ambiente chiuso. Questi i nuovi elementi emersi sul caso.

pescara alessandro neri news

Il colonnello comandante dei carabinieri Riscaldati, poco fa in conferenza stampa da Pescara ha voluto inoltre precisare, parlando a nome della famiglia della vittima, che non vi sarebbero dei conflitti profondi o faide tra parenti delle famiglie Lamaletto-Neri per la spartizione dell’eredità di famiglia di cui si è vociferato nelle scorse ore, e che ipotizzavano tra le piste investigative vagliate dagli inquirenti anche una che porterebbe in Venezuela, dove il nonno di Alessandro aveva fatto una fortuna. Al momento la Procura non si sbilancia, indaga a 360° gradi e non esclude alcuna pista d’indagine.

Leggi anche: Omicidio Alessandro Neri: la madre interrogata per tre ore, novità dall’autopsia

trovato morto ragazzo scomparso a pescara

Vanno avanti senza sosta anche e soprattutto gli accertamenti sui tabulati telefonici e quelli sull’auto di Alessandro Neri, una Fiat 600 rossa trovata chiusa e parcheggiata sul lungomare di Pescara a circa 6 km di distanza dal luogo del ritrovamento del cadavere del 29enne. Le telecamere della zona potrebbero infatti avere ripreso la persona che ha guidato l’auto fin lì. Alessandro infatti è stato portato già morto in quella località di campagna alla periferia di Pescara. Si ipotizza che conoscesse il (o i) killer, poiché non avrebbe opposto resistenza e sul suo cadavere durante l’autopsia non sarebbe stato riscontrato alcun segno di colluttazione. Accanto al corpo di Alessandro c’era il cellulare, ma non state ritrovate le chiavi dell’auto, tutto appare ancora in certo e solo nelle prossime ore potrebbero emergere nuovi elementi dagli accertamenti in corso in grado di dare input alle indagini e una direzione più precisa alle investigazioni.

Pepe Reina SSC Napoli facebook

Milan calcio, visite mediche per Pepe Reina: Donnarumma verso il PSG

Daniele Orabona trovato morto news: testimone ha visto qualcuno scappare