di Andrea Monaci in ,

Omicidio Giulio Regeni ultime news: “Responsabilità egiziana e il Governo italiano sapeva”, dice il New York Times


 

«Abbiamo trovato prove incontrovertibili sulla responsabilità di funzionari egiziani nella morte di Giulio Regeni e gli Stati Uniti passarono la raccomandazione al governo Renzi». La testimonianza di una fonte dell’amministrazione Usa al New York Times riapre il caso del giovane ricercatore italiano ucciso al Cairo nel febbraio 2016

omicidio giulio regeni ultime news

«Abbiamo trovato prove incontrovertibili sulla responsabilità di funzionari egiziani nella morte di Giulio Regeni e gli Stati Uniti passarono la raccomandazione al governo Renzi». Sono pesanti come pietre le parole rilasciate da una fonte dell’amministrazione Usa al New York Times, secondo cui la responsabilità dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso al Cairo tra la fine di gennaio e febbraio del 2016. Ma Palazzo Chigi replica: «Dagli Usa non sono mai arrivate prove esplosive».

Tutte le news sul Caso Regeni

Il quotidiano americano tira in ballo il Governo Renzi affermando che era al corrente delle prove raccolte dai servizi di intelligence Usa. Scrive Declan Walsh in un lunghissimo reportage comparso ieri sul NYT: «Nelle settimane dopo la morte di Regeni, gli Stati Uniti hanno acquisito un’informazione esplosiva dall’Egitto: la prova che i funzionari di sicurezza egiziani avevano rapito, torturato e ucciso Giulio. “Abbiamo avuto prove incontrovertibili della responsabilità ufficiale dell’Egitto”, mi ha detto un funzionario dell’amministrazione Obama, uno dei tre ex funzionari che ha confermato l’informazione ha affermato ”Non c’era dubbio.” Su raccomandazione del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca, gli Stati Uniti hanno passato questa conclusione al governo Renzi. Ma per evitare di identificare la fonte, gli americani non hanno condiviso l’informazione in sé, né hanno affermato quali agenzie di sicurezza ritenevano dietro la morte di Regeni. ”Non era chiaro chi avesse dato l’ordine di rapire e, presumibilmente, uccidere Regeni”, ha detto un altro ex ufficiale. Quello che gli americani sapevano per certo, e che hanno comunicato al Governo italiano, era che la autorità egiziane era pienamente consapevole delle circostanze in cui morì Giulio Regeni»

Regeni documenti

I servizi di sicurezza del governo di Abd al-Fattah al-Sisi sono da sempre fortemente sospettati di coinvolgimento nella sua uccisione, potendo nutrire le ragioni di un eventuale movente nell’attività di ricerca di Regeni.

Intanto le nuove indiscrezioni che arrivano da oltreoceano non fanno che allargare la ferita dei genitori di Giulio, che da oltre un anno e mezzo chiedono verità sulla sua morte. In un post pubblicato su Facebook la madre del ricercatore friulano scrive “Sempre più lutto!”, pubblicando la bandiera italiana listata appunto a lutto. Il riferimento è chiaramente diretto al riavvicinamento diplomatico tra Italia ed Egitto, con il rientro dell’ambasciatore al Cairo, nonostante la verità sul caso dell’uccisione di Giulio sia ancora tutta da scrivere.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook