in

Omicidio Lidia Macchi: Stefano Binda motivazioni sentenza condanna ergastolo

Omicidio Lidia Macchi Macchi news: depositate ieri 23 luglio 2018 le motivazioni della sentenza di primo grado che lo scorso 24 aprile aveva condannato all’ergastolo Stefano Binda, riconosciuto quale responsabile del feroce delitto.

Potrebbe interessarti anche: Pacengo, scomparso in campeggio e ritrovato cadavere, news: la verità sulla morte di Koen

processo lidia macchi

Come infatti fa sapere la redazione online di Quarto Grado tramite Facebook, “Per i giudici Stefano approfittando dell’amicizia e sotto la minaccia di un coltello violentò Lidia, poi la uccise con 29 colpi in preda alla rabbia per il timore di essere denunciato. Il giorno dopo per il rimorso tornò sul luogo del delitto e coprì il cadavere con un cartone pulito”. Nel fascicolo lungo 198 pagine, i giudici della Corte d’Assise di Varese spiegano inoltre che “Negli anni a venire Binda manifesterà un male di vivere costante che inutilmente tenterà di lenire con l’uso di droga. Di fatto la sua vita si è fermata al delitto del quale conserverà per ben 28 anni molti riferimenti , in particolare lo scritto ‘Stefano è un barbaro assassinio'” .

Smantellato anche il suo alibi: l’imputato non era a Pragelato a sciare, come sempre sostenuto dal momento dell’arresto, ma a Brebbia, come ha riferito in aula Don Ballarini. Lidia Macchi fu massacrata con 29 coltellata il 5 gennaio del 1987 nei boschi di Cittiglio, nel Varesotto. Per la Corte Binda In astinenza, o appena drogato, uccise la ragazza con 29 coltellate”. Sul perché l’allora giovane Binda si trovasse nella zona del delitto i giudici avanzano due ipotesi: era lì perché vicino ai luoghi si spaccio, Sert e stazione di Cittiglio per incontrare il suo pusher, oppure aveva un appuntamento con Lidia concordato al telefono nel pomeriggio. Certo è che “Stefano, la sera del 5 gennaio 1987 sale sulla Fiat Panda di Lidia. E da quel momento Lidia sparisce”. La vettura venne ritrovata l’indomani alle 9 del mattino dal testimone Altorige Senigallia, al Sass Pinì, posto frequentato da tossici e coppiette in cerca di intimità.


offerta di lavoro congrua

Offerta di lavoro congrua: quando lo è? Ecco i dettagli e tutti i requisiti per mantenere la disoccupazione 2018

The Good Doctor serie TV RaiUno: cast, attori, puntate, episodi, dove è ambientata e trama