in

Omicidio Maelys news: killer reo confesso ricoverato per “attacchi d’ansia”

Omicidio Maelys De Araujo ultime news: Nordahl Lelandais, l’ex militare 34enne oggi addestratore di cani, accusato del delitto e in carcere dai primi di settembre, dopo aver confessato – seppur con 6 mesi di ritardo – l’omicidio della bimba ha reso possibile con le sue indicazioni il ritrovamento dei suoi resti. Da quel momento però è ufficialmente un detenuto ‘a rischio’. E’ probabile che l’indagato domani 22 febbraio venga riascoltato dai giudici di Grenoble (Isère); si tratta di un’audizione annunciata già nei giorni scorsi, finalizzata a chiarire le circostanze in cui la piccola Maelys è stata uccisa, poiché il reo confesso nella sua prima confessione non è sceso nei particolari del delitto e si è limitato solo a dire di avere ucciso la bambina “accidentalmente”.

bimba scomparsa in francia

Il presunto assassino dopo aver confessato, lo scorso venerdì ha chiesto di essere ricoverato per “attacchi d’ansia” e “come precauzione”, lo ha fatto sapere il suo avvocatocitato da “Dauphine Libere.” Il detenuto è stato quindi trasferito all’ospedale Vinatier di Bron (Rhône), una struttura che dispone di un’unità appositamente attrezzata per ospitare i prigionieri a rischio di suicidio. Inchiodato da diverse prove scientifiche (l’ultima, schiacciante, una traccia di sangue di Maelys rinvenuta nel bagagliaio della sua auto) la scorsa settimana fu quasi ‘costretto’ ad ammettere la morte della piccola, definendola però accidentale.

Leggi anche: Omicidio Maelys news: la disperazione della madre in un messaggio all’assassino

news bambina scomparsa in francia

Prima del ricovero Lelandais aveva incontrato, secondo le indiscrezioni, per più di due ore diversi psicologi e uno psichiatra nel penitenziario di Saint-Quentin-Fallavier (Isère), che lo avrebbero trovato molto scosso, come affetto da una “depressione post-confessione”. Forse divorato dal senso di colpa dopo aver mentito per tutti questi mesi, il detenuto ora starebbe male, affetto da sudorazioni e tremore. All’ospedale Vinatier, Nordahl Lelandais è ricoverato in un reparto specializzato in sofferenze psicologiche particolari, sorvegliato h24 perché soggetto a rischio. Si teme infatti che possa tentare un gesto inconsulto. Lelandais è anche sospettato di avere commesso altri delitti tra cui l’uccisione del caporale Arthur Noyer nell’aprile 2017, i cui resti sono stati trovati anche nelle montagne vicino al collo di Moroccoaz (Savoia). Visto il ricovero, non è escluso che i giudici decidano di interrogarlo in ospedale.

Marco Boni scomparso a Riva del Garda: un testimone lo avrebbe visto, ecco dove

anas lavora con noi operatori specializzati sgombero neve

Meteo prossimi giorni, neve e gelo sull’Italia: previsioni dettagliate