in

Omicidio Noemi Durini: il padre di Lucio fa una proposta inaspettata ad Umberto Durini

Omicidio Noemi Durini ultime notizie: il Dna del fidanzato Lucio Marzo è stato trovato sotto un’unghia della sedicenne scomparsa da Specchia (Lecce) il 3 settembre 2017 e ritrovata morta dieci giorni dopo sotto un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo. Del delitto si era auto-accusato il giovane, minorenne all’epoca dei fatti, per poi successivamente ritrattare per due volte. In un primo momento ha accusato del delitto il meccanico 50enne di Patù, Fausto Nicolì, iscritto per atto dovuto nel registro degli indagati, poi ha chiamato in causa anche suo padre, dicendo che l’uomo lo avrebbe aiutato a seppellire (ancora viva) la povera ragazza.

omicidio noemi news fidanzato

Certo è che sulla scena del crimine, sul corpo della vittima e sull’auto che Lucio ha usato quella notte per giungere con la vittima fino al luogo del delitto, non sono stati trovati profili genetici riconducibili a soggetti terzi. L’unico, ad oggi sospettato del delitto, è Lucio. Ieri a La vita in diretta il padre della vittima, Umberto Durini, è stato in collegamento video proprio dal punto in cui la ragazza è stata ritrovata cadavere. Una campagna, quella di Castrignano del Capo, “che il signor Biagio Marzo conosce bene, perché ha lavorato a 200 metri da qui”, ha detto l’uomo, per ribadire che “Lucio non può aver fatto tutto da solo” e che a suo dire “non conosceva questo posto”. Per Umberto Durini, insomma, se non nel commettere il delitto Biagio Marzo avrebbe comunque avuto un ruolo nella fase successiva ad esso, quella dell’occultamento.

Leggi anche: Noemi Durini news perizia Ris: nessuna traccia di Lucio nel luogo del delitto

Dal canto suo Biagio Marzo ha lanciato un video messaggio al signor Durini, per invitarlo a deporre l’ascia di guerra, esortandolo a farsi un esame di coscienza e a chiedersi che padre è stato e se ha commesso degli errori. L’uomo gli ha proposto un incontro per parlare, per provare, insieme, a superare la tragedia che – sebbene in forme diverse – ha colpito entrambe le famiglie. Sentito questo appello, Umberto Durini non è riuscito a trattenere il suo scetticismo ed ha detto di non credere nemmeno ad una parola uscita dalla bocca del padre di Lucio, per lui solo una messa in scena.

Calendario scadenze fiscali maggio 2018: 730 e cartelle, tutto quello che c’è da sapere

christian leonardi processo news quarto grado

Omicidio Eligia Ardita news: il marito a processo accusa suo fratello e l’ex avvocato