in

Omicidio Pamela Mastropietro news: no overdose, la ragazza uccisa dalle coltellate

Pamela Mastropietro è stata uccisa. Se anche ci fosse stato ancora qualche dubbio in merito, è stato completamente fugato dall’esito degli esami tossicologici effettuati sui resti della 18enne, i quali hanno escluso la morte per overdose. La notizia è di queste ore. Finalmente arriva una prima certezza dalle indagini coordinate dal procuratore capo Giovanni Giorgio, e che vede indagati quattro nigeriani, tre dei quali in carcere. Vanno intanto avanti gli interrogatori degli inquirenti nei confronti di diverse persone, al fine di ricostruire esattamente dal momento in cui Pamela, alle 14:30 del 29 gennaio scorso andò via dalla comunità di recupero Pars di Corridonia di cui era ospite da diversi mesi, fino al ritrovamento dei suoi poveri resti, trovati chiusi in due trolley abbandonati a bordo strada a Pollenza (Macerata) e ritrovati il 31 gennaio scorso.

TUTTO SUL CASO PAMELA MASTROPIETRO LEGGI SU URBANPOST

omicidio pamela

Vanno ancora chiariti i ruoli nella vicenda dei quattro sospettati. Quelle che giungono infatti sono solo indiscrezioni, poiché ancora si attende che i medici legali Mariano Cingolani, Dora Mirtella e Roberto Scendoni, e il tossicologo Rino Froldi depositino in Procura le rispettive perizie sul lavoro svolto. I consulenti della Procura hanno infatti chiesto qualche giorno in più per depositare le conclusioni dei loro esami.

Latina carabiniere spara alla moglie e si barrica in casa con le figlie: AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Il primo dato emerso però è stato più che chiaro: Pamela non è morta di overdose. La ragazza avrebbe sì assunto eroina, ma non è stata la droga ad ucciderla. Pamela non sarebbe nemmeno morta per soffocamento, poiché l’autopsia ha evidenziato che la vittima aveva la lingua “pinzata” dai denti, particolare che esclude quel tipo di morte. Altamente probabile che la ragazza sia stata uccisa dalle coltellate ricevute al fegato e da un colpo alla testa. Del delitto sono accusati Innocent Oseghale, intestatario del contratto di affitto dell’appartamento sito in via Spalato 124 a Macerata, dove è avvenuta la mattanza, Lucky Desmond e Awelima Lucky, che sono in carcere, e Anthony Anyanwu, indagato a piede libero.

uccide il marito nel sonno

Reggio Calabria: donna uccide il marito a colpi di roncola mentre dorme, arrestata

latina carabiniere barricato in casa con figlie

Latina: morto suicida il carabiniere che ha sparato alla moglie, trovate morte le due figlie