in

Omicidio Pamela Mastropietro news, Oseghale confessa: “Sì, l’ho fatta a pezzi ma …”

Omicidio Pamela Mastropietro ultime notizie oggi, martedì 31 luglio 2018. Innocent Oseghale nel corso di un interrogatorio davanti al Procuratore capo di Macerata, ha confessato di avere sezionato il cadavere della 18enne romana, negando però di averla violentata e uccisa, come invece ritiene la Procura. Stavolta il nigeriano 39enne rispetto alle precedenti e parziali ammissioni degli scorsi mesi, è sceso maggiormente nei dettagli ed ha ricostruito ogni passaggio di ciò che a suo dire sarebbe accaduto il 30 gennaio scorso nella mansarda di via Spalato 123 a Macerata, dove ha perso la vita la giovane vittima.

A dare la notizia l’inviato di Quarto Grado che da mesi segue l’indagine, Remo Croci. Innocent Oseghale, assistito dal suo avvocato Simone Matraxia, ha chiarito i momenti trascorsi nel proprio appartamento in compagnia di Pamela. Ha ribadito di non avere stuprato né ucciso la ragazza. “Una volta a casa Pamela si è iniettata l’eroina e subito dopo si è sentita male. Ho chiesto aiuto a Antonhy,un mio amico, al telefono. Lui mi ha suggerito di gettarle sul corpo dell’acqua fredda e di chiamare l’ambulanza. Ho avuto paura”, così racconta su Facebook il giornalista, riportando le parole di Oseghale.

TUTTO SUL DELITTO PAMELA MASTROPIETRO CON URBANPOST, LEGGI 

pamela uccisa e fatta a pezzi

Il nigeriano, com’è noto, non si è rivolto alle forze dell’ordine né tanto meno ha chiamato l’ambulanza. E’ uno spacciatore di droga e temeva per le conseguenze di ciò che stava accadendo nella sua abitazione. “Lei non rispondeva più. Sono uscito a fare delle consegne. Quando sono tornato lei era morta. Sono uscito a comprare un sacco per nascondere il corpo. Non ci sono riuscito perché il sacco era piccolo. Ho preso così la decisione di sezionare il corpo. Non l’avevo mai fatto prima. Ho nascosto i resti in due valigie e le ho portate con un taxi verso Sforzacosta ma ero al telefono e non mi sono accorto di aver superato il paese e così ho chiesto al tassista di lasciare le due valigie lungo il fossato. Temevo della reazione della mia compagna”. L’uomo ha una compagna italiana che gli ha dato il secondo figlio alcune settimane fa. 

Aldo Presutti Hotel Solemar Ischia, offre lo “sconto Salvini” ma resta beffato: pioggia di cancellazioni

Trova un messaggio molto esplicito sul bagno di un locale che dice esattamente: “Chiamami, se vuoi una bella scop***”. Un uomo, molto incuriosito, decide di telefonare per capire chi si nascondesse dietro quel numero. Da quel momento, però, la sua vita cambierà per sempre