di M.B. Michela in ,

Omicidio Pordenone news: Giosuè Ruotolo nuove indagini a suo carico


 

Omicidio Pordenone news: Giosuè Ruotolo nuove indagini a suo carico. Il processo si allunga, i dettagli

omicidio teresa e trifone news processo

Omicidio Teresa e Trifone ultime news dal processo: Giosuè Ruotolo, le indagini a suo carico non sono affatto concluse. Benché nel pieno del dibattimento, il pm Pier Umberto Vallerin ha esposto in Corte d’assise a Udine tre nuovi filoni di inchiesta sui quali si sono concentrate le indagini integrative della Procura a carico del militare campano accusato del duplice delitto. Saranno sentiti a tal riguardo altri testimoni.

Omicidio Pordenone news: Dna femminile su bossolo pistola recuperato nell’auto delle vittime

L’attenzione degli inquirenti è ancora tutta incentrata sui messaggi molesti inviati da un profilo Facebook anonimo a Teresa Costanza, che Giosuè in aula ha ammesso di aver creato dal suo pc della caserma, dicendo però di averlo fatto in accordo con i suoi commilitoni Daniele Renna e Sergio Romano. Da quelle chat al duplice omicidio passano sette mesi, e nella sua ricostruzione il pm ha aggiunto altri tasselli per rafforzare quello che per l’accusa sarebbe il movente: la rissa fra vittima (che avrebbe scoperto l’esistenza di quei messaggi ed il loro mittente) e presunto carnefice, che avrebbe portato Ruotolo a covare nei mesi un odio profondo verso Trifone Ragone e l’irrefrenabile desiderio di vendetta, portata a compimento la sera del 17 marzo 2015.

Dal canto loro i difensori di Giosuè hanno chiesto una perizia medico-legale per datare le lesioni trovate su capo, spalla, braccio e mano di Trifone Ragone, e la trascrizione di una serie di intercettazioni. Per loro infatti è verosimile che Ragone fosse malvisto da qualcuno. Gli avvocati della difesa ipotizzano infatti che qualcun altro (e non Giosuè Ruotolo) potesse avercela con lui e gli abbia procurato i lividi di cui Trifone parla in chat con la fidanzata Teresa: “Amò, ho fatto a mazzate…”. “Questa perizia potrebbe essere decisiva”, hanno dichiarato gli avvocati di Ruotolo. La Corte si è riservata di decidere si accogliere o meno siffatta richiesta. Il processo si allunga, dunque, e per luglio sono state fissate cinque udienze. A questo punto la sentenza, prevista per ottobre, potrebbe anche slittare.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook