in

Omicidio Sara Di Pietrantonio: fidanzato condannato a 30 in appello, in primo grado gli fu dato l’ergastolo

Omicidio Sara Di Pietrantonio: fidanzato condannato a 30 in appello, in primo grado gli fu dato l’ergastolo. Clamorosa riduzione di pena per Vincenzo Paduano: come riporta Adnkronos “La prima Corte d’assise d’appello di Roma ha condannato a 30 anni Vincenzo Paduano, il vigilante 28enne in carcere per aver ucciso e dato alle fiamme l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio il 29 maggio 2016 in via della Magliana, alla periferia di Roma. In primo grado Paduano era stato condannato all’ergastolo“.

Una sentenza destinata certamente a far discutere vista la crudeltà di un delitto che fin dalla prima ora apparve premeditato fin dai dettagli. L’imputato si è scusato in aula, oggi ha pianto quando venivano mostrati in udienza i messaggi molesti che inviava all’allora ex fidanzata. Un delitto preceduto da un lungo periodo di minacce, stalking, appostamenti, patti persecutori ai danni della pera ragazza ‘rea, dal punto di vista dell’assassino, di averlo lasciato perché esasperata dal suo atteggiamento morboso e ossessionante.

Leggi anche: Omicidio Sara Di Pietrantonio, Paduano in aula: “Chiedo scusa, sono un mostro”, lo sdegno della madre della vittima

Paduano nei giorni scorsi ha chiesto scusa ai familiari della vittima, ha ammesso le sue responsabilità pur precisando di non ricordarsi cosa accadde la notte del delitto. Si è definito “un mostro” e incapace di perdonarsi. E’ apparso prostrato e pentito ma la madre di Sara non gli ha creduto. La donna ha espresso tutta la sua indignazione per quella che a suo parere è stata “l’ennesima menzogna del solito Vincenzo”La 22enne romana fu barbaramente assassinata – speronata in auto, strangolata e poi data alle fiamme lungo la via della Magliana  a Roma – la notte del 29 maggio 2016Paduano, che avrebbe trucidato Sara perché ‘rea’ di averlo lasciato due anni prima, dopo anni di esasperazione e morbosa gelosia che la portarono a decidere di interrompere la loro relazione, non poteva sopportare la fine della loro storia e la stalkerizzò con minacce e messaggi molesti, fino al pedinamento e al barbaro omicidio.

The Voice of Italy 2018 finale, Cristina Scabbia a UrbanPost: “Al Bano, che piacevole sorpresa!”

veronica panarello processo catania

Veronica Panarello processo oggi, difesa: “Quello di Lorys un delitto senza movente”