in

Omicidio Sofiya Melnyk, spuntano altri amanti e famiglia Pascal chiede: “Interrogateli”

Omicidio Solfiya Melnyk ultime notizie: è tutt’altro che risolto il giallo di Cornuda, e alla luce degli ultimi sviluppi investigativi perde sempre più concretezza la prima e principale ipotesi fatta dalla Procura, ovvero che la 44enne ucraina sia stata uccisa dal suo convivente, Daniel Pascal Albanese, morto suicida sette giorni dopo il delitto. Le recenti risultanze investigative, infatti, non solo non hanno dimostrato la colpevolezza dell’uomo, ma anche che Pascal non era affatto geloso di Sofiya, bensì ‘complice’ e a perfetta conoscenza delle sue numerose altre frequentazioni maschili di natura sentimentale ed economica.

cornuda omicidio sofiya

Sofiya Melnyk: spuntano altri amanti nella sua vita

Non solo, secondo le indiscrezioni degli ultimi giorni, sembra che nella vita privata della bella Sofiya ci fossero anche altri amanti oltre ai tre di cui l’inchiesta ha scoperto l’esistenza. Professionisti, abbienti, uomini con i quali la donna aveva intrecciato rapporti sentimentali e legati al denaro, la cui esatta natura non è al momento chiara. Ecco perché i familiari di Pascal Albanese chiedono a gran voce che vengano sentiti dai magistrati al fine di far luce sui retroscena ancora inediti che questo delitto e presunto suicidio potrebbero celare.

Omicidio Sofiya Melnyk ultime notizie: intercettazione smonta tesi degli inquirenti, documento inedito

donna scomparsa a cornuda

Sofia Melnyk, spuntano altri amanti, famiglia di Pascal: “Interrogateli”

L’avvocato della famiglia Albanese a Chi l’ha visto? ha ribadito l’inesistenza del movente della gelosia che – secondo la Procura – avrebbe spinto il convivente di Sofiya a toglierle la vita. Tra la coppia – lo dimostrano i toni complici e amorevoli (soprattutto di Pascal) delle telefonate tra i due proprio tre giorni prima del delitto e agli atti dell’inchiesta – non c’erano infatti tensioni e Pascal era in accordo con Sofiya quando parlavano al cellulare di non meglio specificati lavori di ristrutturazione imminenti al primo piano della villetta di Cornuda, dove i due abitavano, e di un uomo coinvolto di cui né Sofiya né Pascal fanno il nome. “Non è vero che Pascal era geloso come non è vero che abbia avuto un movente per uccidere la sua compagna. È per questo che non si può e non si deve pensare che siccome Pascal pare essersi suicidato allora tutto è finito e il caso è chiuso. Esiste la concreta possibilità che ci sia in giro un assassino che se la ride” – queste le parole di Antonio Petroncini, l’avvocato della famiglia Albanese. Possibile che tra le numerose frequentazioni di Sofiya si possa nascondere l’autore del delitto? Secondo le indiscrezioni sarebbero stati sei e non tre gli uomini che le gravitavano attorno. La famiglia di Pascal chiede a ragione approfondimenti investigativi in merito e solleva un dubbio: emergerebbe l’esistenza di un vano della villetta di via Jona mai perquisito dai Ris, lo stesso a cui si riferiscono Sofya e Pascal nella telefonata di cui sopra. E se lì vi fosse la prova che il compagno suicida di Sofiya non c’entra niente con il delitto?

 

 

Roberto Mancini matrimonio: il futuro C.T. della Nazionale italiana si sposa? Chi è la sua compagna (FOTO)

Governo news: «M5S privo di ideologia e visione, Casaleggio ne sarebbe uscito» dice Paolo Becchi

Governo news, Di Maio fa la classifica dei colpevoli: “Berlusconi non ha responsabilità”