in , ,

Oscar 2014: il dramma di Leonardo Di Caprio, se solo Rose gli avesse fatto spazio

Sarebbe quantomeno educativo poter sentire le motivazioni che hanno indotto l’Academy a mortificare per ben quattro volte, l’ultima ieri sera, il talento di uno dei migliori giovani attori sulla piazza. Ma che avrà mai combinato Leonardo Di Caprio per non meritarsi una statuetta, nemmeno una, sulle quattro volte in cui l’hanno obbligato ad affittarsi lo smoking inutilmente candidandolo all’Oscar? Fino a ieri sera si poteva, legittimamente, pensare che ci sfuggisse qualche significato recondito che le nostre menti non fossero in grado di comprendere, ma dopo aver visto Matthew McConaughey intascarsi il premio al posto dello sventurato Leo la questione inizia ad assumere dei contorni tragicomici.

leonardo di caprio oscar 2014

Cosa vi ha fatto Leonardo? Non bastava l’onta di aver debuttato nella sit-com “Genitori in Blue Jeans” come amico speciale di Kirk Cameron? Non bastava quella morte da imbecille che gli è toccato interpretare in Titanic quando tutti, ma proprio tutti, ancora si stanno chiedendo perché non sia salito su quella zattera di fortuna sulla quale si è spiaggiata Rose/Kate? Perché di posto ce n’era! Non vi è bastata la pugnalata che già gli ha sferrato Baz Luhrmann coinvolgendolo nel suo primo fallimento cinematografico di dimensioni bibliche qual’è stato “Il Grande Gatsby”?

Così, mestamente, Leonardo Di Caprio durante la cerimonia del Oscar 2014 è restato per l’ennesima volta seduto e vinto dalla maledizione dell’Academy che lo vuole perpetuamente incollato alla poltroncina. Sarebbe bello se ci fosse dato sapere cosa avrà mai pensato Leo quando è stato pronunciato il nome di Matthew McConaughey al suo posto. Forse anche lui, come noi, ha iniziato a chiedersi “Ma cosa diamine vi avrò mai fatto? Sarà per via di “Genitori in Blue Jeans? Oppure dovevo trovare il coraggio di dire a James Cameron che non era una morte credibile?…

UeD Trono Over Elga e Samuel

Anticipazioni Uomini e Donne, Trono Over: è crisi tra Elga e Samuel

Braccialetti Rossi, finale di stagione con boom di ascolti