di Michele Iacovone in

Pablo Neruda, si infittisce il mistero sulla sua morte, il nipote: “Intervento di terzi”


 

Mistero sulla morte del celebre poeta Pablo Neruda: secondo il nipote, Rodolfo Reyes, nel decesso sono implicate altre persone

Mistero sulla morte di pablo Neruda, forse assassinato, parla il nipote

Il mistero sulla morte del celebre poeta Pablo Neruda si infittisce. Il decesso del Premio Nobel per la Letteratura è avvenuto il 23 settembre del 1973, poche settimane dopo il golpe militare di Augusto Pinochet. A far riemergere il dubbio è il nipote Rodolfo Reyes, che ormai da anni tenta di far riaprire il caso riguardante la morte del poeta.

Non è solo il nipote di Pablo Neruda ha sostenere il dubbio, proprio l’anno scorso il governo cileno ha ammesso che la morte potrebbe non essere legata a cause naturali, e che invece vi sia stato l’intervento di qualcuno. Come spiega il nipote Rodolfo Meyes all’Ansa: “Il caso non è stato mai indagato, come avrebbe dovuto essere fatto. L’informazione che si è avuta è stata soltanto quella fornita dal governo militare di Pinochet“. Le cose potrebbero quindi essere andate diversamente.

Secondo il nipote di Pablo Neruda, dunque, non è stata mai aperta una vera e propria indagine sul caso, ma è stata dichiarata la morte naturale senza effettuare controlli più accurati che confermassero le cause: “I risultati scientifici – conclude il nipote – riveleranno la vera causa della morte, visto che gli sviluppi, grazie alle nuove tecnologie, determineranno con precisione la vera causa del decesso, come la nostra famiglia presuppone, cioè che ci sia stato l’intervento di terzi“.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook